Cerca

La gaffe

M5S, Beppe Grillo e il tweet su "topi, spazzatura e clandestini". Polemiche: "Razzista". E lui lo cambia

Il futuro di Ignazio Marino come sindaco di Roma è sempre più incerto. Dopo lo scandalo di Mafia Capitale, un pozzo senza fondo che continua a gettare fuori casi di corruzione e tangenti, in molti nell’opposizione hanno chiesto le dimissioni del primo cittadino. Ma anche nel Partito democratico ci sono dei mal di panca, testimoniati dalle dichiarazioni di Matteo Renzi che lo ha invitato ha “governare, se ne è in grado”. Una minaccia non troppo velata. Ma come al solito le dichiarazioni più divertenti sono quelle dei pentastellati. Questa volta la gaffe, una di una lunga serie e non certo l’ultima, arriva direttamente dall’account Twitter del leader maximo. Bebbe Grillo, infatti, questo pomeriggio ha postato un tweet in cui andava all’attacco: “Elezioni per Roma il prima possibile. Prima che la città venga sommersa da topi, dalla spazzatura e dai clandestini #marinodimettiti". Salvo poi accorgersi che, forse, la sua frase poteva essere un tantino razzista. Quindi, dopo qualche ora, il leader 5Stelle ha corretto la frase trasformando i “clandestini” in un molto più paraculo “i campi dei clandestini gestiti dalla mafia”. Ma ormai il danno è fatto, e gli sfottò sulla rete sono inarrestabili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Napolionesta

    24 Giugno 2015 - 15:03

    Renzi: scemo di guerra.

    Report

    Rispondi

  • biemme

    18 Giugno 2015 - 16:04

    Grillo non doveva ritrattare anche se i topi non delinquono, non violentano, non rubano e ci costano poco. La spazzatura invece è un altro grosso problema.

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    18 Giugno 2015 - 12:12

    E' evidente che Renzi viene considerato da Cameron, Merkel, Hollande e Obama come le scemo del villaggio con cui divertirsi tanto per ridere.

    Report

    Rispondi

  • Tino61

    18 Giugno 2015 - 12:12

    Peppe non sono con te ma quanto hai detto, merito al merito da dovunque provenga, hai detto giusto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog