Cerca

Iconografia di un premier in difficoltà

Google immagini: l'album fotografico dice che Matteo non sta sereno

Sono passati sedici masi da quando Matteo Renzi si è installato a Palazzo Chigi dopo aver rifilato una pedata a Enrico Letta. Tre mesi dopo, nel maggio 2014, toccava il suo picco di popolarità, con quel 41% alle elezioni regionali che ne face il singolo partito con più preferenze in Europa. Da allora, lui e il Pd sono però andati incontro a un progressivo declino di consensi, che è stato quantificato a oggi in sette punti percentuali. Scuola e immigrazione sono oggi i due fronti più caldi, col governo che al Senato ha ormai una maggioranza risicatissima, visto che la sinistra del partito pare abbia davvero deciso di mettersi di traverso. Matteo Resta in sella, lancia accuse e ne respinge. Ma, smentendo il famoso motto andreottiano che "il potere logora chi non ce l'ha" appare stanco, un po' arrabbiato, certamente logoro. Anche quando va in tv non scatena più folle adoranti di spettatori. E' di qualche giorno fa il dato secondo cui avrebbe perso 1 milione di spettatori in due apparizioni allo stesso talk show a distanza di pochi mesi.

Queste difficoltà si rispecchiano in quello che può essere considerato a tutti gli effetti l'album fotografico online del premier: Google immagini. Una anno fa, difitando "Matteo renzi" alla ricerca di una immagine sul motore, era pressochè impossibile imbattersi in una immagine che non lo vedesse sorridente, rilassato, fiducioso. Alcune, certo, erano foto in posa, ma molte altre no. Oggi, la situazione è cambiata. E osservando le prime 200 foto elencate da Google Immagini alla voce "Matteo Renzi" sono una quarantina quelle in cui il premier appare stanco, deluso, perplesso, abbacchiato, preoccupato, abbacchiato. Guardare per credere. Matteo non sta sereno...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • viola52

    20 Giugno 2015 - 11:11

    Tre mesi dopo, nel maggio 2014, toccava il suo picco di popolarità, con quel 41% alle elezionI..... 41% del 50% dei votanti...il che non impossibile da raggiungere visto che l'hanno votato il 38% di amici e amici degli amici e raccomandati allocati nei posti statali ...e il 3% di utili idioti.

    Report

    Rispondi