Cerca

Novità

Fca: svelata la nuova Alfa Romeo, si chiama Giulia e sarà prodotta a Cassino dalla fine dell'anno

Svelata oggi al Museo Alfa Romeo di Arese, sulle note del “Nessun Dorma” cantato da Andrea Bocelli, il primo degli otto modelli della casa automobilistica che da qui al 2018 rilancerà il brand e lo posizionerà nuovamente nel segmento premium. Si chiamerà Giulia e verrà prodotta negli stabilimenti Alfa di Cassino a partire dalla fine dell’anno e che segna il ritorno alla trazione posteriore. In prima fila nell’auditorium del Museo Alfa Romeo per la presentazione dell’auto, tra gli altri, l’amministratore delegato di Fca, Sergio Marchionne, il presidente di Fca John Elkann e il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio.

Il modello - Pochi tratti essenziali, linea scavata sui lati dalla forma scultoree, con il profilo di un felino pronto a scattare. Tagliato il posto di guida come un tessuto, l’interno cucito in maniera artigianale. L’Head di Alfa Romeo, Harald J. Wester, ha poi dichiarato: “Abbiamo rinnovato il marchio, nel rispetto della sua storia e dei suoi simboli. Lo abbiamo rinnovato ma abbiamo preservato intatto il suo dna e la sua anima, pronto per essere applicato alle nuove creature”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francescos

    25 Giugno 2015 - 10:10

    Anonima no di certo,guardate la Mercedes,la Jundai,la Kia,la Ford,nelle cilindrarte da 2000cc.son tutte uguali,se levate il marchio faticate a riconoscerle,questa si differenzia totalmente,anche se non sara della stessa fascia,poi potra non piacere ma non la trovo anonima e non sono fan ne di FIAT ne di FCA ne degli Agnelli,se sara di qualita credo abbiano fatto un primo passo

    Report

    Rispondi

  • heinreich

    25 Giugno 2015 - 08:08

    mi sembra anonima e senza personalità

    Report

    Rispondi

  • bfrizzante

    25 Giugno 2015 - 07:07

    chi la compra? i magnaccia? danno pure il catenone d'oro da appendere al collo?

    Report

    Rispondi

  • blues188

    24 Giugno 2015 - 20:08

    portare tutte le produzioni al Sud non sarà aumentare l'affidabilità. Non hanno voglia di lavorare, poverini

    Report

    Rispondi

    • spadino65

      25 Giugno 2015 - 10:10

      c'è anche gente che non aveva voglia di studiare....poi da grandi si vedono i risultati

      Report

      Rispondi

blog