Cerca

Bellezza ellenica

Eva Kaili, l'europarlamentare greca affascina Strasburgo

Il Movimento Socialista Panellenico conta tra le sue fila una splendida parlamentare: Eva Kaili. Bionda e bellissima ha incantato tutti i maschi presenti a Strasburgo durante il dibattito infuocato sulla Grecia. Come scrive il blog Sregolati.org, è laureata in architettura e ingegneria all'Università Aristotele di Salonicco, nel 2008 ha conseguito un Master in Relazioni Internazionali all'Università del Pireo, nel Dipartimento di Studi internazionali ed europei. Non contenta, ha anche partecipato ad alcuni corsi all'Università di Harvard nel 2012. Ma tra una lezione e l'altra ha trovato il tempo per inseguire la carriera di giornalista lavorando come e anchorwoman per Mega Channel, un importante canale televisivo in Grecia.

L'amore per la politica - La passione politica sboccia però nel 1992 prima a Pasok Gioventù, poi un'ascesa fino all'europarlamento. Senza mai dimenticare il sociale, entra a far parte di Love146, un’organizzazione internazionale contro la schiavitù infantile e lo sfruttamento. Nelle elezioni nazionali 2009 è stata eletta come membro del Parlamento ellenico nel primo distretto di Salonicco. Nonostante il suo partito è stato sbaragliato da quello di Tsipras, la bella onorevole è riuscita a volare fino a Strasburgo e ammaliare comunque l'Unione Europea.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Italotrend

    09 Luglio 2015 - 08:08

    Pure le greche, quando si tagliano i baffi, possono essere carine...

    Report

    Rispondi

  • Ben Frank

    Ben Frank

    09 Luglio 2015 - 05:05

    ...e noi ci si manda la Panic-i-erno e La Kyongo, che oltre ad essere brutte, hanno solo letame in testa.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    08 Luglio 2015 - 22:10

    Se vogliamo buttarla sul gossip, la Boschi non può proprio essere messa a confronto con costei. Sarebbe come un fiore appassito di fronte ad un bocciolo di rosa. Se poi si parla di cultura . . . meglio lasciar perdere perché non c'è alcuna possibilità di confronto.

    Report

    Rispondi

blog