Cerca

Red carpet

Le più belle donne della Mostra di Venezia, la pagella di "Libero"

Attrici, madrine, registe, modelle, imbucate: alla Mostra del cinema di Venezia ce n'è per tutti i gusti. La rassegna cinematografica, benché chic e ambiziosa, non ha mai fatto molta selezione sul red carpet, basti ricordare che qualche anno fa lo avevano calpestato addirittura Sara Tommasi e Noemi Letizia, l'ex diciottenne di Casoria (quella di Berlusconi).

Bene, Libero ha stilato una pagella delle donne più belle (e interessanti) che finora hanno incantato il Festival del cinema

9) Diane Kruger. La trentottenne attrice tedesca (vista, ad esempio, in The Bridge, Troy e Bastardi senza gloria) è una delle giurate: è una delle donne con più stile del mondo, è altezzosa ma anche semplice (basta seguire i suoi scatti su Instagram), si diverte e incanta. L'abito (Prada) e il poco trucco del red carpet però non le rendevano giustizia: era un po' sbattuta. Meglio allora il look hippy con cui è arrivata al Lido con l'imbarcadero.

7) Elizabeth Banks. Pure lei in giuria (che quest'anno sembra una sfilata di moda), attrice di Hunger Games che di recente ha debuttato alla regia, 40 anni, ha un sorriso delizioso e uno sguardo sveglio. Uno splendore. Scivola sul tacco 12 ma non si scompone.

6) Dakota Johnson. L'ex verginella (per mancanza di prove) di Cinquanta sfumature di grigio, è nel cast del film italiano in concorso, A Bigger Splash, di Luca Guadagnino. Appare in Laguna con nuovo taglio, con frangia e caschetto. Una bellezza insolita, ma quelle maches sottili e bionde non si vedevano dagli anni Ottanta. 

6--) Daniela Santanché, in quanto editrice di Ciak, era la gran dama del red carpet, l'Anna Wintour della situazione: apprezzabile l'abito rosso semplice e lungo, una botta di sobrietà, peccato per quelle scarpe zeppate e glitterate.

3) Elisa Sednaoui, la madrina del Festival. Innanzitutto è lì non si sa per quali meriti, visto che sfuggono le sue doti di attrice e soprattutto i film che ha realizzato (si ricorda una particina nel francese L'amore dura tre anni e poco altro), e poi ci fa pure la morale sugli immigrati: è ufficialmente la madrina più antipatica della storia.

1) Alessandra Ambrosio. Bella è bella, ma che c'azzecca con la Mostra? Tocca rassegnarci: ogni anno il Festival ha le sue imbucate o le figurine di contorno, chiamate perché hanno tanti followers su Instagram. Questa volta tocca a lei, brasiliana e modella di Victoria Secrets, e a Fiammetta Cicogna rappresentare la famigerata categoria.

Alessandra Menzani

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    05 Settembre 2015 - 11:11

    La migliore è indubbiamente Diane Kruger, all'apice della propria bellezza nel dimenticato film (e stroncato violentemente dalla critica) TROY (2003). Co-protagonista anche del Mistero dei Templari (2004), ove era ugualmente attraente. Sono passati molti anni, e, purtroppo per lei, se ne vedono gli effetti.

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    04 Settembre 2015 - 15:03

    Chissà cosa c entrava noemi Letizia la

    Report

    Rispondi

blog