Cerca

La tragedia

Immigrati, strage a largo della Grecia: 28 morti, la metà sono bambini

Sono 28 i migranti annegati al largo dell’isola greca di Farmakonissi, quando il barcone con cui erano partiti dalla Turchia si è ribaltato. Lo ha fatto sapere la guardia costiera greca. Si tratta del bilancio di vittime più alto in un singolo naufragio nelle acque greche da quando è iniziata la crisi dei rifugiati. "Una barca di legno che li trasportava si è ribaltata a circa tre miglia a est" dell’isola, ha affermato una portavoce. La guardia costiera non ha fornito dati su nazionalità ed età delle vittime, precisando invece che 68 migranti sono stati tratti in salvo e altri 30 hanno raggiunto a nuoto le coste dell’isola. Sull’isola di Lesbo, intanto, un fotografo di Reuters ha visto dieci gommoni sbarcare nel giro di 90 minuti. Un gommone gonfiabile con a bordo circa 70 rifugiati è esploso a circa 100 metri dalla riva e gli abitanti hanno portato a riva le persone che erano cadute in acqua, tra cui bambini e almeno un neonato. L’incidente coincide con l’appello lanciato dalla premier ad interim Vassiliki Thanou, che oggi ha fatto visita all’isola di Lesbo. Ha chiesto all’Unione europea di trovare l’accordo su una politica davvero globale per gestire i crescLa premier Thanou ha dichiarato: "Vorremmo chiedere agli altri Paesi - ha affermato la prima ministra - di tenere in considerazione la responsabilità di controllare una linea costiera di 16mila chilometri alla frontiera europea" e di chiedersi "se una futura Europa di principi possa essere costruita alzando muri".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog