Cerca

Immagini sconcertanti

Paulina Alina Matei, la donna che ha travolto e ucciso un pensionato alla guida con i piedi mentre beveva vino

Paulina Alina Matei è accusata di aver investito un pensionato, uccidendolo in un piccolo paese in provincia di Venezia. L'uomo aveva 79 anni. E ora, pescato da ilgazzettino.it, spunta un video postato su Facebook dalla ragazza un mese prima dell'incidente. Un video - che non ha bisogno di alcun commento - che la ritrae alla guida senza mani: "controllava" il volante con i piedi, sui quali indossava un paio di scarpe con tacco chilometrico. E non è tutto, mentre guidava - letteralmente - con i piedi, si beveva da una bottiglia di vino che si passava con le amiche. Immagini sconcertanti, che contribuiscono a definire in moto piuttosto netto la personalità di Paulina. 

Il precedente - L'incidente costato la vita al pensionato, non è stato la prima disavventura automobilistica per la donna. Nel 2010 la giovane aveva centrato in pieno un albero sfasciando la macchina, e se l'era poi svignata a piedi, ma successivamente alcuni testimoni l'avevano riconosciuta e i carabinieri l'avevano rintracciata e sanzionata. E ancora, nei tre anni successivi Paulina collezionò diverse altre infrazioni e altrettante decurtazioni dei punti della patente: nel 2013 il permesso di guida le fu revocato (non soltanto sospeso). Eppure, pur senza patente, la ragazza continuava a guidare, fino a quando ha ucciso un pensionato.

Di seguito, il video pubblicato da ilgazzettino.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    09 Ottobre 2015 - 13:01

    A guardarla bene in faccia sembrerebbe che ce l'abbia buona...Chissà quante marchette ha fatto.

    Report

    Rispondi

  • mauro1946

    08 Ottobre 2015 - 19:07

    Sta bastarda, con l'omicidio stradale prendeva 18 anni. Stronza.

    Report

    Rispondi

  • alby118

    08 Ottobre 2015 - 18:06

    La personalità di Paulina ?????? Una balorda tr.ia assassina per giunta importata, come se di balordi non ne avessimo già di nostrani.

    Report

    Rispondi

blog