Cerca

Sardegna, la bomba d'acqua vista dall'alto

I valori massimi delle precipitazioni cadute ieri sulle zone più battute dal maltempo in Sardegna, sono eccezionali nel senso stretto della parola, perchè non hanno precedenti storici. L'eccezionalità del fenomeno è confermata dal fatto che in 12 ore sono state registrate, per la prima volta nell'area, precipitazioni per 450 millimetri. Dalla serie storica dei valori medi annui, si evince che le precipitazioni si attestano intorno ai 1000 millimetri l'anno.  Secondo Sergio Borghi direttore dell'Osservatorio Meteorologico di Milano Duomo il ciclone Cleopatra è stato innescato dalla temperatura particolarmente elevata degli due mesi. "Sappiamo che novembre è un mese particolare per il nostro paese. E questo è dovuto al fatto che le perturbazioni che riescono a farsi strada dall'Oceano Atlantico fino all'Italia trovano condizioni molto particolari legate al riscaldamento delle acque del mare. Se il ciclo delle perturbazioni non è costante, l'acqua del mare non si fredda e tutta l'energia poi viene assorbita da poche perturbazioni che diventano particolarmente violente". "Il fatto è che queste condizioni climatiche - dice l'esperto - favoriscono la creazione di eventi molto intensi del tutto simili ai cicloni tropicali anche se su scala molto più ridotta in termini di dimensioni. L'energia del mare diventa umidità che alimenta questi sistemi nuvolosi che sono capaci di fenomeni davvero devastanti". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog