Cerca

Centotrentasette ultrà laziali in stato di fermo a Varsavia

Sono 147 i tifosi della Lazio ancora in stato di fermo in seguito ai disordini avvenuti ieri prima della sfida dei biancocelesti sul campo del Legia in Europa League. Lo rende noto la polizia di Varsavia in un comunicato sul proprio sito ufficiale. Secondo le forze dell’ordine polacche i tifosi biancocelesti, alcuni dei quali con il passamontagna, hanno attaccato i poliziotti nel centro di Varsavia lanciando pietre e bottiglie. Le persone fermate sono state portate in questura per essere identificate. Nelle prossime ore le autorità polacche decideranno se processare i tifosi o rilasciarli. 

"I polacchi ci hanno detto che cerceranno di celebrare tutti i processi per i reati più gravi tra oggi e domani. Per i più semplici, invece, non si passerà per il   procuratore, ma ci sarà un rito abbreviato, come previsti dall’ordinamento polacco, e questo dovrebbe riguardare circa un’ottantina delle persone fermate", ha detto l'ambasciatore italiano a Varsavia Riccardo Guariglia. L'ambasciatore ha ricordato che "sono 147 i tifosi fermati con   diversi capi d’accusa". "Ci hanno dipinto tre tipologie: danneggiamento di mezzi e danni alle cose, volto coperto dal   passamontagna (vietato in Polonia, ndr), aggressione alle forze di polizia", ha spiegato il diplomatico, secondo il quale se processare o  rilasciare i tifosi spetta alle "autorià competenti della Polonia". "Speriamo che una gran parte venga rilasciata, e per molti sarà probabilmente così, le autorità locali stanno raccogliendo le prove", ha concluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • albettone

    30 Novembre 2013 - 14:02

    Li condannino e se li tengano in Polonia. Peccato che dopo la caduta del muro non ci siano più i lavori forzati o "il fresco". Di gente del genere ne abbiamo fin troppa. Ci pensino pure i polacchi a raddrizzare le costole a questi delinquenti che contribuiscono, a pieno titolo, a infangare il già infangato nome dell'Italia. Forza polizia polacca,picchia sodo!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • machete883

    30 Novembre 2013 - 12:12

    per fortuna che i poliziotti polacchi PICCHIANO DURO..! siamo alla canna del gas una nazione zimbello del pianeta ma dei facinorosi cronici gozzoviglianti ignoranti si permettono di farci ancora NOTARE nel mondo per sto calcio ! SPERIAMO CE LI RISPEDISCANO CON QUALCHE OSSA ROTTA ALMENO !! FORZPONONIA PICCHIALI DURO...è FECCIA ITALICA !!

    Report

    Rispondi

  • Baronedel Carretto

    29 Novembre 2013 - 17:05

    L'impunità in Italia favorisce la delinquenza calcistica. All'estero la polizia persegue i teppisti, in Italia no. Perché?

    Report

    Rispondi

  • plaunad

    29 Novembre 2013 - 16:04

    Perché "Speriamo che una gran parte venga rilasciata"? Io spero invece che li sbattano in galera e buttino via la chiave.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog