Cerca

Tagliagole, legge di morte

L'unica giornalista anti-Isis a Raqqa: la morte orripilante di Ruqia Hassan

Si chiamava Ruqia Hassan, ed era l'unica reporter indipendente donna a Raqqa, roccaforte e capitale dell'Isis. La sua cifra stilistica era l'ironia, con la quale condiva le sue cronache giornalistiche e le sue denunce. Articoli che le sono costati la vita: Ruqia, famosa in rete con lo pseudonimo di Nisan Ibrahim, è stata uccisa dai seguaci del Califfo. La morte, in verità, risalirebbe a qualche tempo fa, ma la comunicazione sarebbe arrivata soltanto negli ultimi giorni. Uccisa dall'Isis, che ha chiamato i genitori della ragazza per comunicare che loro figlia era stata "giustiziata" in quanto "spia".

La notizia è stata rilanciata da alcuni attivisti locali citati dall'associazione giornalistica Syria Direct e ripresi nelle ultime ore dai media britannici. Tra gli ultimi messaggi di Ruqia, si leggeva: "Sono a Raqqa e ho ricevuto minacce di morte, ma quando l'Isis mi arresterà e mi ucciderà sarà tutto ok, perché loro mi taglieranno la testa e io ho la dignità. Meglio che vivere nell'umiliazione sotto l'Isis". Infine, per comprendere il personaggio, l'ultimo post pubblicato su Facebook dalla ragazza, che risale allo scorso luglio e che è stato tradotto dall'Indipendent. Ruqia ironizzava sulla "guerra al wi-fi" dichiarata dai tagliagole nella sua città: "Avanti, tagliateci internet, i nostri piccioni viaggiatori non se ne lamenteranno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • etano

    07 Gennaio 2016 - 09:09

    Chi continuerà a consentire ai terroristi d' incremetare le loro azioni è proprio il mondo occidentale (soprattutto l'Italia con il governo filo islamico che si ritrova). Arrestano qualche presunto o reale terrorista per poi rilasciarlo grazie ai giudici rossi. Loro ammazzano, noi emettiamo proclami come il compagno Alfano e il compagno Gentiloni: - non ci faremo spaventare dall'isis - pagliacci!

    Report

    Rispondi

  • etano

    07 Gennaio 2016 - 09:09

    Chi continuerà a consentire ai terroristi d' incremetare le loro azioni è proprio il mondo occidentale (soprattutto l'Italia con il governo filo islamico che si ritrova). Arrestano qualche presunto o reale terrorista per poi rilasciarlo grazie ai giudici rossi. Loro ammazzano, noi emettiamo proclami come il compagno Alfano e il compagno Gentiloni: - non ci faremo spaventare dall'isis - pafliacci!

    Report

    Rispondi

  • rawing

    06 Gennaio 2016 - 21:09

    Dove sono i vari ramadan e imafhu che gironzolano su questo sito, non avete da dire niente a proposito, sbruffoni da quattro soldi che non siete altro.

    Report

    Rispondi

  • gescon

    06 Gennaio 2016 - 14:02

    Che ne dice l'ineffabile boldrina ? Dobbiamo adeguarci a questo tipo di cultura così come quella sostiene ed indica ? Detto con franchezza o ci è o ci fa. Per me ci è e non è chiaro chi e perché l'ha designata ad occupare quel posto ma soprattutto chi rappresenta posto che riscuote il dussenso di tutti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog