Cerca

il blitz a seno nudo

"Ci sono due donne in topless nel seggio". Il porno-attentato contro Trump

Qualche ora dopo Hillary Clinton, è stata la volta di Donald Trump recarsi a votare a New York per le presidenziali Usa. Il candidato repubblicano è comparso intorno alle 11 locali (le 17 in Italia; ndr), accompagnato dalla moglie Melania, in una scuola di Manhattan situata a non molta distanza dalla Trump Tower, il grattacielo di 58 piani dove il tycoon risiede all’attico insieme alla famiglia, e in cui ha i propri uffici principali. "Mi sembra che sia tutto a posto", ha osservato sorridente Trump con alcuni giornalisti che lo stavano aspettando. «Le cose stanno andando molto bene». Poco prima del suo arrivo, però, la polizia aveva dovuto allontanare a forza due manifestanti a seno nudo che si erano presentate per contestarlo: apparterrebbero alla filiale americana di Femen, l’organizzazione femminista che in luglio aveva già inscenato una protesta analoga a Cleveland, in Ohio, in occasione della convention del Partito Repubblicano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog