Cerca

Donald Trump incontra Shinzo Abe, presente anche la figlia Ivanka: il presidente rompe gli schemi

Il fatto che Donald Trump sia davvero pronto a ribaltare il mondo e i suoi protocolli lo dimostra in maniera lampante questa gallery. Già, perché nella riunione di giovedì sera nella penthouse della Trump Tower, dove il presidente eletto ha ricevuto il premier giapponese Shinzo Abe, c'erano anche la figlia Ivanka e il marito Jared Kushner. A ricevere Shinzo Abe - primo leader straniero ricevuto da Trump dopo la sua elezione -, c'era anche la figlia: un fatto con pochi precedenti. Mentre invece, a memoria, non ha alcun precedente il fatto che Ivanka compaia anche seduta, al tavolo dove si è svolta la conversazione con gli ospiti. L'incontro, durato circa 90 minuti, da Abe è stato definito "informale, franco e cordiale". Al summit era presente anche Michael Flynn, al quale Trump ha offerto il posto di consigliere per la Sicurezza nazionale. I media Usa, nel frattempo, s'interrogano: a qual titolo sono stati convocati Ivanka e soprattutto il marito? La ragione potrebbe essere semplice: stando a numerose indiscrezioni, The Donald li vorrebbe entrambi nella sua squadra di governo. Obiettivo difficile da realizzare, però, a causa degli impedimenti legati alla legge sul nepotismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghinoditacco2

    19 Novembre 2016 - 11:11

    Il nepotismo è un termine che, in Italia, è stato soppresso ormai da decenni. Se così non fosse, non si potrebbe spiegare come, in politica (ma non solo in essa) compaiono tanti padri, figli, nipoti, zii e, soprattutto, comari e comparielli, oltre che i componenti delle famiglie....allargate.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    19 Novembre 2016 - 11:11

    Io non capisco questo lato grezzo di Trump: se ci tiene tanto al parere di Ivanka (o chi per lei) non vedo perché deve forzare la legge cooptandola al governo, ben sapendo le polemiche e i guai che questo può innescare. Non si tratta di distribuire paghe o prebende, visto che di soldi i Trump ne hanno da buttare, tanto che lui personalmente rinuncia alle sue spettanze accontentandosi di un dollaro

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    19 Novembre 2016 - 11:11

    ...anche per avere un "PARERE" non condizionato!!...BENE!!

    Report

    Rispondi