Cerca

Caracas

Una donna che ferma un carro armato: la foto che entrerà nella storia

1

Da sola contro un blindato della Guardia Nazionale Boliviana. Una foto che sta facendo il giro del mondo, come quella del ragazzo di piazza Tienanmen, che nella rivolta del 1989 si oppose al passaggio di un plotone di carri armati Tipo 59 e salì su uno di essi per parlare con i militari. 

Questa della donna-coraggio è un'immagine simbolo della marcia anti Maduro di Caracas. La donna avvolta in una bandiera venezuelana davanti a un mezzo imponente che blocca e lo fa retrocedere il blindato "mentre i militari attaccavano i manifestanti con gas lacrimogeni", hanno sottolineato i media dell'opposizione di Caracas.

Tra le altre immagini più diffuse anche quelle che ritraggono i due ragazzi uccisi durante le manifestazioni: Paola Ramirez, di 23 anni, raggiunta da colpi di arma da fuoco a San Cristobal, e Carlos Josè Moreno, 17 anni, ucciso a Caracas.

Il Venezuela, sull'orlo della guerra civile, ha vissuto ieri un'altra giornata di proteste, di violenze, di sangue, con il bilancio - ancora provvisorio - di due manifestanti uccisi a colpi di pistola. E se il presidente Nicolas Maduro accusa l'opposizione di tentare il golpe e individua nel presidente del Parlamento, Julio Borges, il regista dell'insurrezione anti-governativa, la Casa Bianca esprime grande preoccupazione e accusa il capo di Stato venezuelano di soffocare la voce dei suoi critici.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • monteguerra

    20 Aprile 2017 - 21:09

    Guardia Nazionale Bolivariana (da Simon Bolivar, rivoluzionario Venezualeno vissuto a cavallo tra il 1700 e il 1800). La Guardia Nazionale Boliviana sta in Bolivia non in Venezuela

    Report

    Rispondi

media