Cerca

La rivelazione

"Ma di che caz... stiamo parlando?": stranieri contro italiani, crisi di pianto a Ciao Darwin. Bonolis nel caos

Non solo trash: Ciao Darwin 7 diventa politico, anche se solo per pochi minuti. La sesta puntata dello show di Canale 5 condotto da Paolo Bonolis ha visto schierati sul campo italiani contro stranieri. La poliziotta di Avanti Un Altro Claudia Ruggeri, capitano della squadra degli italiani, ha aperto il dibattito: "Chi viene in casa nostra deve rispettare la nostra cultura e integrarsi. Bisogna anche dare, non solo pretendere". Dallo schieramento opposto prende la parola la showgirl Justin Mattera, capitano della squadra degli stranieri: "Noi veniamo qua in cerca di un Paese dove vivere, magari per povertà. I miei sono andati via perché erano poveri, sono andati negli Stati Uniti e lì hanno trovato una nuova vita. Noi non rubiamo il vostro lavoro ma facciamo lavori umili che gli italiani non vogliono fare". A questo punto è intervenuta una ragazza cinese che ha spiegato la sua difficoltà ad integrarsi nel nostro Paese, dove è stata emarginata: "Da quando sono in Italia, io ho provato di tutto ma sono stata presa di mira, sono stata messa da parte e allontanata solo perché i miei lineamenti sono stranieri". Poi la giovane è scoppiata a piangere.

L’intervento – In suo soccorso corre Paolo Bonolis, che cerca di consolarla: "Signorina noi stiamo vivendo una trasmissione di assoluta leggerezza, forse i temi che stiamo affrontando c'entrano ben poco con lo spirito della trasmissione. Però se stiamo giocando tutti insieme questa differenza che continuano a dirci che c'è in realtà non c'è". Per sottolineare le sue parole, il presentatore ha fatto alzare la ragazza cinese e l’ha fatta sedere in mezzo allo schieramento degli italiani e ha spostato una ragazza italiana tra gli stranieri. Poi Bonolis ha ribadito che non c’era alcuna differenza. Infine, rivolgendosi agli autori, il conduttore romano ha esclamato: "Chiedo scusa agli autori in genere, ma di che caz*o stiamo parlando? Il problema non è che arrivano gli stranieri. Se le cose non vanno bene è perché non sappiamo gestirle noi". La rete ha mostrato di apprezzare il gesto e le parole del presentatore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • buonavolonta

    23 Aprile 2016 - 14:02

    perch è non doniamo l'europa agli stragneri e noi europei ci tiriamo su le maniche e andiamo in africa credo che in 50 anni .........

    Report

    Rispondi

blog