Cerca

In piazza Taksim

"Vi impicchiamo tutti, cani": islamisti fuori controllo in Turchia

Piazza Taksim, simbolo della cosmopolita città di Istanbul, è stata invasa da folle di sostenitori del presidente Recep Tayyip Erdogan. Squadroni di nazionalisti islamici hanno appeso un inquietante striscione contro l'imam Fethullah Gülen, leader dell'opposizione. "Feto (Gulen), cane del diavolo, impiccheremo te e i tuoi cani al vostro stesso guinzaglio" recita a scritta. Due enormi ritratti del presidente sono stati appesi di fianco allo striscione. L'ingiurioso messaggio è stato rimosso poco dopo, ma la tensione di piazza rimane altissima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • conigliobianco

    21 Luglio 2016 - 13:01

    La turchia di Erdogan è l'opposto di qyelal fondata da Kemal Ataturk. La commistione di potere laico e potere religiosos è una costante dei paesi islamimici. E, purtroppo, gli islamici governano oggi la Turchia. La Turchia islamica non può far parte dell'Europa. L'allenaza militare (Nato) non significa appartenenza alla nostra Europa.

    Report

    Rispondi

  • albertoperutelli

    21 Luglio 2016 - 12:12

    Dalla Turchia è meglio starci lontano: Oriana docet. Un'altro popolo, un'altra religione, un'altra civiltà, altri usi e costumi, altro modo di pensare. La Turchia non fa parte dell'Europa sia geograficamente , sia per il diverso modo di concepire la vita. Mamma li turchi ----- pussa via.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    21 Luglio 2016 - 12:12

    https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/e8/Putin_Erdogan_Berlusconi.JPG affinità elettive

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    21 Luglio 2016 - 10:10

    C'è poco fare. La storia ci dice che hanno sempre vissuto nella miseria e in mezzo allo sterco di capre e mucche. Qualcuno ha provato a portargli il benessere attraverso i vantaggi del progresso e del lavoro. Ma non ce la fanno E' più forte di loro. Loro vogliono continuare a vivere in miseria tra lo sterco di capre e mucche.

    Report

    Rispondi

blog