Cerca

La tragedia a Mugnano

Tiziana Cantone si suicida dopo lo scandalo hot: due anni fa il video del sesso orale con l'amante

Si è suicidata Tiziana Cantone, la 31enne napoletana diventata famosa suo malgrado due anni fa per un video a luci rosse. L'amante l'aveva ripresa con il telefonino mentre lei gli stava praticando sesso orale. Accortasi dello smartphone, aveva commentato divertita: "Stai facendo il video? Bravo". Quella frase si è però trasformata rapidamente in un tragico tormentone: il filmato è finito su Whatsapp e da lì in rete, condannando di fatto Tiziana al pettegolezzo e alla derisione prima virtuale e poi reale. 

Fine tragica - La giovane di Mugnano non si è mai ripresa dallo scandalo hot e dalle malelingue. Molti dicevano avesse voluto apparire in un video per lanciare una fantomatica carriera nel porno, altri parlavano di fuga al Nord per evitare commenti e occhiate dei compaesani. Balle: la realtà era molto più grande di lei, tragica. È stata trovata senza vita in uno scantinato a casa di alcuni parenti in via Rossetti a Mugnano, si sarebbe impiccata con un foulard.

Alla gogna - Era finita alla gogna, non poteva più condurre una vita normale, si sentiva depressa. Aveva anche intentato una causa a Facebook, e il social network era stato obbligato dal giudice a chiudere una pagina in cui gli utenti la irridevano. Lesione del diritto alla privacy, diritto all'oblio. Una vittoria in tribunale che non le ha però ridato la serenità e la voglia di vivere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chry

    16 Settembre 2016 - 12:12

    Avete censurato almeno una ventina di miei commenti, avete cancellato le prove ed oltre a non chiedere scusa alla famiglia di Tiziana continuate con i soliti articoli in violazione della privacy, quanto accaduto è prova della vostra colpevolezza

    Report

    Rispondi

  • lella64

    14 Settembre 2016 - 09:09

    Caro Luca non credo che lei pensasse di finire in rete probabilmente pensava che il video riamanesse un fatto privato.Lei avrà peccato di ingenuità ma lui è un vero e propio delinquente da sbattere in galera per istigazione al suicidio.

    Report

    Rispondi

blog