Cerca

Assassino al volante

Milano, peruviano si schianta contro auto ferma al semaforo: era ubriaco e al cellulare, morto un avvocato 31enne

4

Guidava in stato di ebrezza, ma non solo: il peruviano di 34 anni che venerdì si è schiantato a velocità sostenuta contro una Mini Cooper ferma ad un semaforo rosso tra via Virgilio Ferrari e via Campazzino a Milano, causando la morte del conducente, si sarebbe anche distratto per guardare il cellulare. Sulla base della ricostruzione della dinamica dell'incidente mortale che è costato la vita a un avvocato di 31 anni, il pm di Milano Sara Arduini ha chiesto la convalida dell'arresto e la misura della custodia cautelare in carcere con l’accusa di omicidio stradale aggravato per l'uomo.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • patriziabellini

    13 Agosto 2017 - 21:09

    Quanti anni di carcere farà per aver causato tanto dolore? Dovrebbe rimanere dentro a vita, come tutte le persone che causano la morte di un essere umano. Invece la vita delle vittime, non è mai considerata come la vita dei colpevoli che troppo presto se ne riappropriano come se niente fosse. Anzi per aver causato la morte di qualcuno avranno anche l'assurda "vacanza premio"

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    13 Agosto 2017 - 08:08

    ERGASTOLO!

    Report

    Rispondi

  • rintintin

    13 Agosto 2017 - 00:12

    Sono un popolare di ubriaconi pieni di birra...estremamente pericolosi e inaffidabili

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media