Cerca

Missiva infingarda

La truffa (perfetta) che arriva per posta. Occhio alla buste verde: ti massacrano

Se avete ricevuto una busta verde proveniente dalla Croazia che vi chiede di pagare una multa, fate attenzione alla truffa. La Polizia di Stato mette in guardia i cittadini da una infida truffa postale. Il caso è stato segnalato inizialmente dall'account Facebook "Una vita da social" proprio perché diversi cittadini, nelle ultime settimane, hanno ricevuto una busta verde molto simile a quelle comunemente usate per gli atti giudiziari, proveniente dalla Croazia appunto, e più precisamente dalla città di Pola. Nella busta sono inseriti due documenti scritti in croato e in italiano, insieme ad alcuni timbri che potrebbero far pensare che la missiva possa in effetti arrivare da un qualche tipo di autorità. Nei documenti si richiede il pagamento di una multa per eccesso di velocità, il cui importo è compreso tra € 184,73 ed € 250,65, pena l'avvio di una procedura di pignoramento. Il pagamento è richiesto su un IBAN italiano. L'atto, ovviamente, è illegittimo. Il consiglio della Polizia di Stato è quello di non pagare alcuna somma e di denunciare simili truffe.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • burago426

    05 Gennaio 2016 - 10:10

    facciamolo anche noi con tutte le targhe rumene e vediamo se si spaventano e pagano. Io dico che ci rimettete tempo e soldi, che col cavolo loro pagono.

    Report

    Rispondi

  • burago426

    05 Gennaio 2016 - 10:10

    mi sa che prendono i numeri di targa a Pola per chi c'è stato, poi si informano per sapere l'indirizzo e poi fanno tutto il resto. Siccome è andato in onda un servizio che veramente avevano fatto una multa allora chi ha visto il servizio si spaventa.

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    05 Gennaio 2016 - 10:10

    interessante sarebbe sapere quale è la banca italiana coinvolta e chi è l intestatario del conto che apre con tanta facilità e sfrontatezza un conto destinato alla truffa; ma per carità guai a ledere la privacy delle banche e dei truffatori.

    Report

    Rispondi

  • carlo196

    04 Gennaio 2016 - 18:06

    ma non si può risalire all'intestatario dell'IBAN italiano?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog