Cerca

Il caso politico-giudiziario

La pm e l'avvvocato: la rabbia dei parenti delle vittime dello scontro tra treni e spuntano altre foto

Finisce davanti al Csm la foto del pm che fa parte del pool che indaga sul disastro ferroviario del 12 luglio scorso in Puglia e l’avvocato che difende il capostazione di Andria indagato in quell’inchiesta. La foto, pubblicata dal quotidiano Il Giornale, ha sollevato un putiferio. Indignati giustamente i parenti delle vittime del disastro . Daniela Castellano, figlia di Enrico, uno delle 23 vittime scrive su Facebook: "Come possiamo pensare di avere giustizia per i nostri cari". In molti chiedono che la pm Simona Merra sia tolta dal pool che indaga. Il magistrato si difende dicendo che quelle foto sono state scattate nel 2013 durante una festa e l’avvocato, Leonardo De Cesare spiega che il bacia piedi era scattato dopo che al pm era stata schizzata dell’acqua ed era un gesto per farsi perdonare. Il caso è finito all’attenzione di Palazzo Marescialli La prima commissione sta lavorando a un’istruttoria per verificare se ci sono le condizioni per promuovere la procedura di incompatibilità  ambientale e funzionale in relazione . Intanto spuntano nuove foto. Le pubblica Il Giornale: sono altri immagini che testimoniano una certa familiarità tra la pm e l’avvocato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nopolcorrect

    08 Agosto 2016 - 08:08

    Bona la pm e lunghissima la lingua dell'avvocato, ambedue persone di alta classe, complimenti.

    Report

    Rispondi

  • gescon

    06 Agosto 2016 - 12:12

    Pensavo che per fare il giudice fossero necessari altri requisiti. Dubito anche sulla preparazione giuridica che, se ci fosse, avrebbe quantomeno consigliato un diverso comportamento. Prenda esempio da Berlusconi che le cose, se le faceva, rimanevano confinate entro le mura domestiche. Ne siano prova gli infiniti tentativi dei giudici di ricavare uno stracciato di prova concreta.

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    06 Agosto 2016 - 10:10

    He, he, he. Quando si dice che "la toppa è peggio del buco"! La PM si giustifica parlando di CONOSCENZA LIMITATA con l'avvocato che le lecca il piedino. Non oso pensare a cosa consente di fare a coloro che con lei hanno una CONOSCENZA APPROFONDITA!

    Report

    Rispondi

  • fdf75

    06 Agosto 2016 - 10:10

    Premesso che il PM bene avrebbe fatto a far presente la "vicinanza" con il legale del capostazione per una mera questione di opportunità ma dubito che questa amicizia possa avere chissà quali influenze sulle indagini. Invece sarebbe molto più utile verificare altri procedimenti affidati al pm Merra in cui De Cesare è stato legale della persona offesa o dell'indagato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog