Cerca

Disgusto in spiaggia

Se i vu' cumpra' ti vendono cibo coi vermi. Sequestrate tonnellate di merce infestata a Ostia, ecco cosa c'era dentro

Spiagge romane brulicanti di vita, di tutti i tipi di vita. A essere bianchicci sotto l'ombrellone non ci sono solo i turisti tedeschi, ma anche i parassiti della carne.  Succede ad Ostia, dove gli agenti della Polizia locale di Roma Capitale gruppi X Mare Spe coordinati dal comandante Antonio Di Maggio, hanno sequestrato oltre 3.000 bevande ghiacciate e due tonnellate di articoli, pronti ad essere venduti illegalmente sulle coste vicino alla capitale. Seguendo i venditori abusivi, gli inquirenti sono arrivati ad alcuni negozi etnici gestiti da cittadini del Bangladesh che rifornivano i vu' cumpra'.

Pesce, maionese, pasta, carni, riso infestato da parassiti, tutto scaduto da diversi mesi e in procinto di essere smerciati ai bagnanti sotto l'ombrellone. Gli esercizi controllati sarebbero già stati chiusi in passato per lo stesso motivo, ma la merce avariata continua ad apparire sugli scaffali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Garrotato

    09 Agosto 2016 - 09:09

    Se i vu cumprà ti vendono cibo coi vermi, vuol dire che c'è qualche imbecille che lo compra, ed è inutile che poi si lamenti e magari chieda controlli e garanzie. Se nessuno facesse il furbetto pensando di fare un affare coi vu cumprà, questi sparirebbero dalla circolazione in men che non si dica. Sveglia! Pane e volpe, a colazione (ma non compratelo in spiaggia...).

    Report

    Rispondi

  • Delta16

    Delta16

    08 Agosto 2016 - 12:12

    Solo due cose: la prima "i vu' cumpra'" devono sparire dalla circolazione, sidotino di licenza e operino nei mercati autorizzati; la seconda è che si ci sono dei "Coglio......" che comprano roba da loro non si meritano niente di più semmai anche la sanzione amministrativa se non hanno scontrino.

    Report

    Rispondi

  • lupoclauss

    08 Agosto 2016 - 12:12

    Senza contare che il "cibo" lo toccano con le mani spoche di merda.

    Report

    Rispondi

  • VEPA53

    08 Agosto 2016 - 12:12

    Peggio per quei coglioni che acquistano da questi maiali. Non bisogna comprargli niente, questo è il primo passo per fargli capire che non li vogliamo . Via andate via , fuori dalle palle tutti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog