Cerca

Anti-governativo

Concertone del Primo Maggio, Edoardo Bennato contro la Rai: "Pubblicità mentre cantavo, censura"

8

Concertone del Primo Maggio e "censura" in Rai. A lanciare la bomba è Edoardo Bennato, dalla propria pagina Facebook. Il cantautore napoletano era uno degli ospiti del tradizionale evento romano ma, scrive, "durante l'esecuzione dell'ultimo brano, Meno male che adesso non c'è Nerone, la Rai ha deciso di interrompere in modo brutale la trasmissione, mandando in onda la pubblicità". Bennato, 70 anni, ha parlato di un "trattamento inaccettabile". "A questo punto ci chiediamo il motivo - conclude polemico -: disguido, disorganizzazione o, magari, censura?". Negli ultimi anni Bennato, dopo una carriera controcorrente con spunti spesso polemici contro la "dittatura di sinistra" nel mondo dello spettacolo, si è schierato apertamente contro il governo di Matteo Renzi. In questo senso, tutto il Concertone è stato caratterizzato da classici toni-antigovernativi, anche se meno pungenti rispetto ai tempi "d'oro" di Silvio Berlusconi

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco53

    02 Maggio 2017 - 10:10

    Per me Bennato è sempre stato comunista, quindi non capisco di cosa stiamo parlando!

    Report

    Rispondi

  • patriziabellini

    02 Maggio 2017 - 10:10

    beh, certo per questi cretini il Presidente Berlusconi é stato materia inesauribile per satira e canzoni. Il mondo girava solo intorno a lui. E nessuno ha mai detto niente, ora mandano la pubblicità

    Report

    Rispondi

  • levantino

    02 Maggio 2017 - 09:09

    Non c'è da stupirsi. La RAI deve imparare tante cose dalla concorrenza. Prima fra tutte,visto che paghiamo il canone,cerchi di non fare pubblicità. La lasci fare ad altri che il canone non sanno cos'è. Come al solito,cornuti e mazziati.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media