Cerca

Rovinata

Ricordate Sylvye Lubamba? Star della tv, poi incarcerata: come è ridotta oggi dopo la galera / Guarda

29 Dicembre 2017

1

Ricordate Sylvye Lubamba? La showgirl italo-congolese impazzava su La7 lanciata da Piero Chiambretti a Markette. Diventata un personaggio del gossip, era passata a Mediaset alla Talpa, un reality trash come non mai. E da lì iniziò un lento declino culminato addirittura con il carcere. 

Scarcerata il 25 dicembre, il giorno di Natale, Lubamba, 45 anni, parla per la prima volta dopo aver scontato 3 anni di carcere, lo fa al settimanale Spy. Lubamba è stata condannata nel gennaio 2006 a cinque mesi e venti giorni per uso indebito di carte di credito, ha poi patteggiato nel marzo 2008 una pena di 6 mesi e 10 giorni, ma il 7 agosto 2014 è stata arrestata per gli stessi reati. "Sono stata scarcerata il 25 dicembre, il giorno della nascita di Nostro Signore. Cosa avrei potuto desiderare di più? Sono pentita di quello che ho fatto, ma lo ero già dodici anni fa. Ero convinta che il reato cadesse in prescrizione, invece le sentenze sono andate avanti e sono stata condannata definitivamente. La giustizia è lenta, ma arriva a tutti".

Sylvie è dimagrita dieci chili. In carcere ha scoperto la fede. Nel 2015, è stata tra quelli che hanno ricevuto la benedizione della lavanda dei piedi da Papa Francesco. "Quello con papa Francesco è un incontro che mi ha cambiato la vita: mi sono sentita benedetta e fortunata. Tutt'ora mi chiedo come sia stato possibile. Non sono ancora riuscita a metabolizzare e non riesco a trovare le parole adatte per parlarne. In carcere ho aperto la Bibbia per la prima volta nella mia vita e l’ho studiata. Il rapporto con il Signore si è fortificato: lui si manifesta, è un padre misericordioso, è attento ai dettagli".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filen

    filen

    29 Dicembre 2017 - 20:08

    Ma sono sicuri che è lei o forse è il trans che era dentro con lei Ahahah

    Report

    Rispondi

media