Cerca

Mentana-choc su Renzi

Sondaggio di La7, frase tombale sul sì: "Fermo al palo"

Inizia con una frase choc il consueto appuntamento del lunedì sul Tg di La7: quello del sondaggio. Il direttore Enrico Mentana mostra la slide che riguarda il referendum, con la percentuale dei Sì, quella dei No e quella deli indecisi e degli astenuti. Poi si rivolge al direttore di Emg Masia per un commento. Che è quanto meno lapidario: "Fermo al palo". Chi? Il Sì. I dati sono i seguenti: i Sì sono al 34,9%, i No al 39,2.

la distanza in se è di tutto rispetto, a ormai tre settimane dal referendum: 4,3 punti percentuali da recuperare non sono pochi, anche se Brexit e Trump sono lì a dimostrare il contrario. Ma è il trend che spinge Masia a parlare di fermo al palo. Perchè con la percentuale di astenuti che si è ridotta al 40,2%, riami vicina a quella che secondo Emg si registrerà il 4 dicembre ("l'affluenza sarà verosimilmente tra il 50 e il 55%" spiega Masia), i Sì sono cresciuti di appena lo 0,1% mentre i No sono aumentati dello 0,9% in una sola settimana.

Certo, lo stesso sondaggio Emg conteggia pure una percentuale di indecisi appena sotto il 26%, ma la vera variabile impazzita saranno, secondo lui, gli italiani all'estero, quelli a cui Renzi sta febbrilmente scrivendo in questi giorni e dai quali ha spedito a parlare la Boschi e altri ministri. Su costoro non ci sono sondaggi. E se l'epilogo tra No e Sì dovesse essere in voltata, potrebbero essere davvero loro a decidere sulla riforma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aquila azzurra2

    16 Novembre 2016 - 14:02

    italiani all'estero? gente che sta lì da 30/40 anni ,ha realizzato probabilmente anche la sua fortuna, dovrà decidere del futuro nostro e dei nostri figli , senza capire ormai una mazza di quello che sta avvenendo in questo paese, grazie anche a vetero comunisti che solo a ricordarli fanno venire il voltastomaco? quelli del NO dove sono? muovano le chiappe e vadano ad incontrarli anche loro.

    Report

    Rispondi

  • 12ZAMPE

    15 Novembre 2016 - 16:04

    quelli all'estero che decidono per noi??? E' assurdo. Loro sono fuori e le conseguenze le pagheremmo noi qui. Il loro voto non dovrebbe valere 1 pari a 1 in Italia. Già con quei voti hanno per un pelo vinto le politiche, perseverare è davvero da matti ed iniquo. Bisognerebbe proprio cambiare 'sta legge-tta...

    Report

    Rispondi

  • aaronrod

    15 Novembre 2016 - 10:10

    Per me puó andate a cag questo governo del piffero. Bra co di contaballe. A sti fetenti verso oltre seimila euro io come partita iva regime minimi. Su poco piu di diecimila di fattura. Disgraziati sareste da lapidare. In piu ti chiedono acconto per anno successivo. Siete dei disgraziati da prendere a pedate nel sedere. A ceffoni in pubblico. Gli italiani che votano si, o sono pagati, o non fanno fatica a guadagnare soldi, o completamente rencretiniti. Cerchiamo di svegliarci gente, basta con gli imbonitori e venditori di fumo!

    Report

    Rispondi

  • wintek2

    15 Novembre 2016 - 09:09

    Certo che far decidere ai residenti all'estero delle sorti dell'Italia è stata proprio un idea intelligente a quell'idiota che gli ha dato la possibilità di votare gli darei un Nobel.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog