Cerca

A Domenica Live

Silvio Berlusconi, l'intervista dalla D'Urso a Domenica Live

"Silvio, Silvio, Silvio!". Un ritorno in grande stile a Mediaset: Silvio Berlusconi viene accolto da Barbara D'Urso negli studi di DomenicaLive su Canale 5 e il pubblico si alza in piedi. Standing ovation e coro, il miglior modo per affrontare il confronto (a distanza di qualche minuto) con il premier Matteo Renzi

Show con la D'Urso - Subito battute a raffica: "Non ci vediamo da prima dell'operazione, ma stai una favola", scherza la D'Urso dando del tu a Berlusconi. Risposta: "Ho il cuore di atleta, i medici mi hanno spiegato che sono state le inchieste, i 73 processi e le umiliazioni subite in tutti i miei anni in politica".

L'erede - E c'è spazio anche per un aneddoto divertente. "Ormai sono un patriarca. Una sera a una festa c'era una bellissima ragazza. Il mio nipotino Riccardo, anni 3, si è avvicinato e mi ha detto: Posso darle un bacio?". 

Se vince il no - "Sedersi al tavolo se dovessero vincere i no al referendum? Lo spero proprio, è quello da fare. Sederci con
tutte le forze del paese per fare una legge elettorale".

Senato al Pd - "Anche se il centrodestra vincesse le elezioni, avremmo un Senato con il 60% dei suoi componenti del Pd. Il Senato ha dei poteri enormi".

Renzi padrone - "Noi siamo contro questa riforma perché è inaccettabile, insostenibile, assurda. È contro la democrazia". "Renzi si è cucito un abito su misura su di lui e sul Pd. Che cosa succederebbe? Un unico uomo avrebbe nelle sue mani il Senato, la Camera, potrebbe eleggere il capo dello Stato e i membri della Corte Costituzionale. Sarebbe padrone
dell'Italia e degli italiani. Ma questo è contrario alla democrazia".

Il ritorno - Se dovesse vincere il No si ricandiderebbe? "Io ho avuto questo intervento chirurgico e mi è servito molto tempo per riprendermi. Sentivo di non impegnarmi più ma poi è sopravvenuto un senso di responsabilità verso il Paese. Apro una parentesi: io in questi anni ho preso ben 200 milioni di voti dagli italiani, Renzi non si è nemmeno presentato alle elezioni politiche e non è stato nemmeno eletto in Parlamento. Unico voto che ha avuto è per diventare sindaco della sua
meravigliosa città, con 112mila voti: 112mila voti contro 200milioni, credo tra noi ci sia un abisso". E qui l'applausometro ha registrato il picco. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • placidoolivieri

    28 Novembre 2016 - 09:09

    Che imbecillità!! Se io mi candito a livello nazionale 10 volte in più collegi è chiaro che , sommandoli, prendo più voti di chi si candita una sola volta a livello comunale. Se di gelo si deve parlare, nell'osannare l'imbecillità, gelata mi pare la mente di chi scrive.

    Report

    Rispondi

  • patriziabellini

    28 Novembre 2016 - 04:04

    I commenti qui sotto fanno pena sia da una parte che dall'altra

    Report

    Rispondi

  • Chry

    28 Novembre 2016 - 00:12

    Fidel, Fidel

    Report

    Rispondi

  • chimangio

    27 Novembre 2016 - 20:08

    Caro Cav siamo arrivati a questo punto per colpa tua e dei tuoi atteggiamenti ondivaghi e quasi mai chiari. Se la sinistra può tentare di fare un golpe costituzionale è grazie a te e agli uomini che gli hai prestato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog