Cerca

Lettere al Direttore

Fondi europei utilizzazione produttiva o clientelare.

Fondi europei utilizzazione produttiva o clientelare. Si ripete comunemente che dei fondi destinati dalla Comunità Europea all’Italia solo una piccola percentuale viene effettivamente utilizzata e che molte somme si restituiscono non utilizzate. L’incapacità di spesa denota una assoluta imbecillità che non depone a favore né della classe politica né della classe dirigente. Da qualche tempo, invero, si assiste ad un incremento di afflusso di risorse grazie a tecniche particolari messe in atto dagli organi preposti ed alla utilizzazione dei così detti bandi che permettono di accedere ai fondi attivando un sistema di cofinanziamento. Pare che il finanziamento dei progetti dipenda dalla quota di partecipazione (cofinanziamento) dell’Ente che presenta l’istanza ed il progetto con graduatoria predisposta dopo la chiusura della procedura concorsuale. Andando in giro per i comuni siciliani, sono siciliano e di questa regione posso parlare, si vedono tabelle relative ad opere in corso di realizzazione ed iniziative che non sono frutto in molti casi di scelte prioritarie in rapporto ad esigenze effettivamente programmate (piani triennali opere pubbliche aggiornati di volta in volta alla vigilia del conferimento degli incarichi ai progettisti ed alla presentazione delle richieste) ma di scelte dovute a sollecitazioni di presentazione di progetti ed iniziative a richiesta di addetti ai lavori che riescono ad avere collegamenti in sede locale e regionale e che promettono di essere in condizione di ottenere risultati concreti. In molti casisi ottengono ristrutturazioni di immobili costruiti da decenni, mai utilizzati e senza possibilità di futuro uso, asili nido mai utilizzati, edifici scolastici ormai dismessi che vengono destinati a manutenzioni per ritornare ad essere abbandonatiti, iniziative turistiche che non convogliano flussi reali di visitatori per fruizione beni culturali etc.). Un attento esame degli interventi finanziari elencati nei decreti regionali sarebbe sufficiente a dare un contributo ai fini di un effettivo utile utilizzo delle risorse. 12 marzo,2014 franco amoroso,uomo qualunque.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog