Cerca

Lettere al Direttore

Non considerare il reddito del nucleo familiare ai fini dell' aumento di 80 € è iniquo ed ingiusto

La manovra di aumento del reddito del reddito familiare che prevede l’ aumento di 80 € al mese per i lavoratori dipendenti che hanno un reddito lordo complessivo inferiore ai 25.000 € lordi è di per se ingiusta ed iniqua perché non considerando il reddito del nucleo familiare complessivo si darebbe lo stesso aumento ad un nucleo familiare monoreddito con figli a carico e ad un nucleo familiare che magari puo’ beneficiare di un coniuge che magari guadagna 10.000 € al mese. Sarebbe il caso di aumentare (a parità di fondi a disposizione) di piu’ a una famiglia monoreddito con figli a carico il cui reddito complessivo e’ ad esempio 15.000 € e niente (perché non versa in stato di bisogno) una famiglia il cui reddito complessivo è di 100.000 € lordi. Per non parlare di tanti pensionati esclusi da ogni forma di aumento che hanno meno di 1000 €. Al mese. Spero che questa ipotesi di aumento iniqua ingiusta ed irrazionale che mortifica chi ha realmente piu’ bisogno sia cambiata prima dell’ entratta in vigore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • highlander5649

    17 Aprile 2014 - 17:05

    giustissimo,sacrosanto. il problema è che in Italia si giochi a mosca cieca con le norme fiscali: ogni norma nuova una mina vagante nel mare magnum del nostro (già) iperconfuso sistema fiscale. dovrebbe essere scritto a chiare lettere che la famiglia deve essere tassata come in francia/ germania cumulando i singoli redditi e dividendolo per il totale dei componenti fam.

    Report

    Rispondi

blog