Cerca

Lettere al Direttore

Due domande

Egregio Direttore chiedo lumi sul perchè (come riportato da vs articolo su numero di Libero di cui non ricordo data) i dipendenti od ex dipendenti – leggi Boldrini – di organizzazioni umanitarie internazionali non dichiarino nella dichiarazione dei redditi quanto percepito dal loro lavoro così come fanno tutti gli altri lavoratori siano essi dipendenti, liberi professionisti od imprenditori. Si parla di equità fiscale ma poi si scopre che la legge è forse cieca nei loro confronti! Non dovrebbero anche loro subire la tassazione o, visto l’alto impegno morale al servizio degli altri, ne sono esentati proprio poiché si profondono a parole nel bene altrui? Ma se animati da puro spirito umanitario, di beneficenza e di accoglienza come mai percepiscono così lauti stipendi e non sembra loro strano di non pagare le tasse che invece tutti gli altri hanno l’alto dovere morale di pagare …….forse perché “il denaro è lo sterco del diavolo” sed poecunia olet solo e quando è nelle mani altrui? Si ringrazia per i lumi. Distinti saluti. Fabio Piccinini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog