Cerca

Lettere al Direttore

Gruppo "Supplenti della Scuola per la Qualità e Dignità del lavoro"

Egregio Direttore, vorrei portare alla Sua attenzione quello che sta succedendo ad opera del gruppo "Supplenti della Scuola per la Qualità e Dignità del lavoro" per vedere riconosciuto un diritto, quello ad avere regolarmente lo stipendio per chi lavora. Siamo supplenti della scuola, io lavoro nella scuola primaria a Sassari, ma in tutta Italia e in tutti gli ordini di scuola ci accomuna la stessa situazione. Da giorni stiamo scrivendo al MIUR, al MEF, al ministero della Funzione Pubblica, persino al Presidente del Consiglio Renzi. Tutto questo senza avere nessuna risposta concreta. La maggior parte di noi non ha ancora ricevuto lo stipendio di marzo, molti neanche quelli di gennaio e febbraio. Siamo persone normali, con affitto o mutuo da pagare, e con tutte le spese di vitto, bollette, macchina, benzina, etc. che tutti devono sostenere. Non è facile già avendo un lavoro prevalentemente precario come il nostro, se poi quando abbiamo la fortuna di lavorare non riusciamo neanche a percepire lo stipendio quando dovremmo, la situazione si fa insostenibile. La ringrazio della cortese attenzione, sicura di non essere l’unica ad averle scritto, ci farebbe piacere se parlaste di noi. Cordiali saluti, Margherita C., Sassari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog