Cerca

Lettere al Direttore

vorrei che questo mio scritto fosse letto

Egregio Direttore, Le scrivo con l’illusione, mi scusi con la speranza, che Lei voglia leggere questo mio scritto. Sono un dipendente pubblico con 40 anni di lavoro, che non può andare in pensione e che comunque non vuole andare in pensione poiché con il proprio reddito (unico reddito familiare) deve cercare di far vivere dignitosamente la propria famiglia con moglie e 4 figli 3 dei quali laureati ma disoccupati. Il mio reddito imponibile per il 2013 è di €. 25.549,93. Dall’ultimo dei pifferai magici che si sono succeduti in questi anni, sono considerato un dipendente pubblico benestante , per cui non rientro nel bonus mancia o elemosina. Sono un assistente amministrativo in servizio presso la segreteria di una scuola statale. Dopo 40 anni di servizio, all’apice della propria carriera ( poveri noi), non avendo più progressione stipendiale ( progressione del 2,5 % dello stipendio lordo iniziale dopo permanenza di vari anni nelle fasce in base ai CCNL) e avendo i contratti di categoria bloccati al 2010 e mai rinnovati, ho cercato di migliorare la mia posizione lavorativa confidando, purtroppo , nelle affermazioni ipocrite dei nostri politici, tutti, che da vent’anni strombazzano: bisogna premiare la meritocrazia; il merito e la professionalità saranno il nostro principale obbiettivo per ristrutturare la pubblica amministrazione ecc. ecc. , per cui ad un reddito imponibile base di un dipendente mio pari che si aggira intorno ai 24.400 euro annui, io con oltre 10 corsi di aggiornamento effettuati negli ultimi anni più due concorsi effettuati all’interno dell’amministrazione ( 1^ e 2^ posizione economica ) nei quali, senza falsa modestia sono risultato in ambito provinciale fra i primi 60, dove vi è stata un’inidoneità tra prova selettiva e prove d’esami pari al 70%, ho aggiunto al mio stipendio un miglioramento economico di circa 1.100 euro all’anno da suddividere in 12 mensilità. Ed ecco così servito il tanto sbandierato merito. Le comunico inoltre, che in 40 anni di servizio ho solo 15 giorni di malattia ( basta verificare ) ed il sistema informatico del ministero della pubblica istruzione La potrà aiutare. Ma oltre il danno anche la beffa. Le spiego perché. Nel mio stesso comprensorio scolastico, vi sono diversi colleghi : marito e moglie, (che svolgono, anzi dovrebbero svolgere le stesse mie mansioni) con la mia stessa qualifica . Non avendo superato, come Le dicevo, il concorso per acquisire posizione di merito e non avendo la mia anzianità di servizio, si ritrovano ad avere un stipendio annuo imponibile sotto i 24.000 euro. Bene, loro sono due dipendenti pubblici, lavorano entrambi , hanno 2 stipendi , non hanno alcun merito di professionalità, MA AD ENTRAMBI SPETTA IL RICONOSCIMENTO degli 80 euro del venditore di tappeti che amministra questa nazione. La ossequio nella speranza che un “ parassita dipendente pubblico” possa aver voce. Giovanni Romualdo POTENZA Via Cairoli 2/D – Vernole (LECCE) Tel. 0832/891557 P.S. L’opinione della gente quando si parla di dipendenti pubblici, purtroppo il più delle volte è vera. Il mese scorso ho trattato ( decreti di ricostruzione e relative pratiche per il pensionamento) di una docente dichiarata inabile a svolgere le mansioni di docente e destinata ad altri compiti ( grazie alla protezione del santo SINDACATO). Per 20 anni questa signora ha mantenuto la sua qualifica e relativa retribuzione ( di docente) ma non ha mai svolto alcuna attività. NON HA MAI LAVORATO PER 20 ANNI . All’atto (finalmente ) della risoluzione del rapporto di lavoro per incapacità , questo stato che è vessatorio con la maggior parte dei cittadini : HA REGALATO 4 MENSILITA’ (circa 10.000 euro) QUALE INDENNITA’ DI PREAVVISO a questa solerte instancabile LAVORATRICE

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • SiamologiciPerdiana

    15 Maggio 2014 - 15:03

    Giovanni no comment ! hai Ragione da vendere. Letta Ti direbbe stai sereno !

    Report

    Rispondi

blog