Cerca

Lettere al Direttore

BINARIO MORTO PER CIUCCI

Grande debacle del tandem Ciucci-Lupi per la corsa alla poltrona delle Ferrovie. Per l’ennesima volta il manager romano (prima in quota Prodi, poi in quota Berlusconi, adesso in quota NCD) uno schiaffo in faccia. Si era candidato già una volta in Ferrovie, nel maggio del 2004, quando con Staderini doveva andare a guidare piazza della Croce Rossa. Poi per il rinnovo di Finmeccanica, sperando di prendere il posto di Guarguaglini. Ed ancora nel governo Letta, quando sperava in un posto da ministro alle Infrastrutture. Infine, ultimo ennesimo schiaffo, per la corsa a Ferrovie. La carriera di Pietro Ciucci un po’ come il Ponte sullo Stretto di Messina, o come la Salerno-Reggio: costato moltissimo, durato a lungo, ma con risultati disastrosi. Considerato il peso politico di Lupi, i risultati di Ciucci evidenziati da Matteo Renzi a Palermo, il "rottamatore" di Pontassieve ,finalmente, lo accompagnerà verso una meritata pensione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog