Cerca

Lettere al Direttore

SOLO LE AZIENDE SONO IN GRADO DI OFFRIRE POSTI DI LAVORO

Egregio PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Dr. MATTEO RENZI mi permetto di disturbarla perché pur non essendo dalla Sua parte politica mi piace parecchio il Suo modo di agire , la Sua grinta di giovane Governante la certezza che con Lei si possa fare una partita di calcio con tattica aperta, sfrontata, senza uso di catenaccio ma con azioni offensive a tre punte se non a quattro secondo uno schema collaudato in 38 anni di attività di Allenatore di Calcio di Squadre Dilettanti che per fare goal bisogna attaccare con coraggio, con personalità con la certezza che *se si gioca bene si può correre il rischio di perdere* *se si gioca male si può correre il rischio di vincere* Abbia la cortesia di leggere o far leggere al Suo staff di collaboratori la seguente lettera che io amo spedire ai quotidiani di mia lettura come posta al Direttore LETTERA INDIRIZZATA AL DIRETTORE “””LIBERO”” Dr. Maurizio BELPIETRO Per riaprire i capannoni bisogna fare deregulation-togliere tutte le regole-togliere tutti i laccioli- Siamo in crisi sociale-siamo in crisi di lavoro-siamo in crisi economica- Bisogna imitare le filosofie di vita dei paesi sani-robusti *lavorare per il bene collettivo non per il bene individuale* lavorare per il miglioramento di tutti non per la difesa del privilegio individuale- Tutte le ricette messe in atto negli ultimi anni dai diversi Governi *sono fallite* Non si può tamponare una ferita lacerante con della colla , bisogna procedere alla messa in azione di punti suturanti per avvicinare la parti ferite , in seguito medicinali, pomate completano la guarigione- La ferita è la sparizione del datore di lavoro-senza l’imprenditore l’azienda non assume, non produce, non distribuisce mensilità- Questa crisi economica ormai irrefrenabile ha prodotto una devastazione sociale- il famoso-brillante-nobile- CETO MEDIO del Nord/Ovest e del Nord/Est è stato selvaggiamente attaccato dai limiti retrogradi, dai pregiudizi della sinistra caratterizzata dall’anticapitalismo – SOLO LE AZIENDE SONO IN GRADO DI OFFRIRE POSTI DI LAVORO- Solo la sinistra è sempre convinta che l’artigiano faccia soldi alle spalle dell’operaio- far chiudere Aziende comporta un bordello di licenziamenti- una catastrofe umana di disoccupati- Ora tutti devono capire che solo la volontà di fare impresa assicura la ripresa delle assunzioni La ripresa delle offerte di posti di lavoro-bisogna abbandonare la sporca retorica dei *maledetti comunisti* (V.Feltri) intenzionati solo a chiedere diritti individuali, difendere fannulloni e privilegiati, con una spiccata allergia asmatica nei confronti dei doveri- *per riaprire i capannoni bisogna fare deregulation*ripartire da capo-Dopo la ripresa collettiva si ritorna a ridiscutere le regole- Un problema di oggi è anche la mancanza di liquidità che ha spinto la massa enorme del famoso ceto/medio a frequentare la grande distribuzione abbandonando così il tradizionale mercato del paese, il vecchio nobile negozio d’abbigliamento del paese- Sia l’ambulante sia il commerciante, sia il dettagliante avevano come punto di approvvigionamento l’ingrosso tessile distribuiti su tutto il territorio nazionale- L’ingrosso oggi soffre maledettamente, negozianti, ambulanti *vendono poco comprano poco* Il personale risulta in eccedenza-si apre la pratica della cassa integrazione-tutto ciò trascina tessiture-stamperie-tintorie-artigiani-lavoranti in conto terzi-tutto il mondo dell’indotto- ALLORA COSA FARE?? – CHIUDIAMO TUTTI?? –CHI PAGA POI LE TASSE?? – DOVE VA LO STATO A PRENDERE SOLDI?? A questo punto si deve perentoriamente capire che solo le aziende sono in grado di offrire posti di lavoro- di creare le premesse di una nuova fase di occupazione-di una nuova fase di produzione- OCCORRE APRIRE IL MERCATO DELLE VENDITE DEI NOSTRI PRODOTTI- SOLO LA PRODUZIONE GARANTISCE LE ASSUNZIONI-Ecco allora la mia ricetta semplice ma decisiva –Visto che la maggior parte del consumatore finale frequenta solo la grande distribuzione , tutti questi nuovi centri commerciali distribuiti su tutto il territorio nazionale ormai in massa-bisogna imporre l’obbligo di acquisto di prodotti italiani nell’ordine almeno del 50 % salvo sanzioni economiche fortissime- Cari dilettanti allo sbaraglio che ci state mal governando avete mai controllato quanti articoli fabbricati in Italia sono esposti in bella vista negli scaffali dei centri commerciali?? Noi artigiani italiani siamo proprio dei fessi, ci credete forse ignoranti, ci adoperate solo per richieste fiscali, come possiamo competere con prodotti orientali con costi ad un decimo inferiori ai costi europei?? Secondo voi siamo così scemi da farci superare da “pirla orientali” solo perché il loro stato è molto meno ingordo e ladro del nostro stato?? Ma chi volete prendere per il…culo?? Ora cari governanti finitela di seviziare il cittadino con tasse-intervenite con la massima urgenza a riequilibrare la produzione , l’economia, il lavoro, la rinascita del ceto/medio- Se i centri commerciali usufruiscono del territorio nazionale, se vendono al consumatore italiano devono sottostare alle leggi italiane ( SEMPRE SE RIUSCITE A COMPRENDERE IL FONDAMENTALE CONCETTO CHE SOLO LE AZIENDE SONO IN GRADO DI OFFRIRE POSTI DI LAVORO)che devono Imporre acquisto di PRODOTTI ITALIANI ALMENO AL 50% DEL LORO BILANCIO COMMERCIALE- -prodotti fabbricati in Italia– Solo così si possono aprire aziende, creare posti di lavoro, distribuire mensilità, far rifiorire benessere sociale collettivo- Tutte le altre iniziative finora intraprese- assunzioni agevolate ( ma chi assume se non c’è vendita) distribuzione di euro 80,00 ( vedi IMU- TARI-TASI- Benzina)-riduzione millesimale di IRPEF- aliquota IVA al 22% ( ma se si vende solo con sconti del 60/70 % è come prendere il 60/70 % meno di aliquota iva) SONO TUTTE *GROSSE STUPIDATE* che non hanno NULLA RISOLTO- SE VOLETE EVITARE IL DEFAULT DELL’ITALIA PRODUTTIVA – IL MALESSERE DEL POPOLO ITALIANO -OBBLIGO ACQUISTO DEI CENTRI COMMERCIALI *AL 50 % DI PRODOTTI DI AZIENDE ITALIANE* -ABBASSAMENTO DELL’ALIQUOTA IVA AL 8 %- - giorgio alabardi di caidate

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog