Cerca

Lettere al Direttore

le mie riflessioni estive, ciò che vorrei dire al Presidente Napolitano

Qualcosa da dire al Presidente della Repubblica … Il Presidente Giorgio Napolitano, che ha vissuto gli orrori della guerra e visto cadere i suoi compagni e amici, rossi del proprio sangue, trucidati dai soldati tedeschi in ritirata … morti per amore della nostra Patria, per la libertà della nostra Nazione. Morti affinché tutti coloro che la formano potessero vivere in uno Stato Democratico, decidendo liberamente chi dovesse governare questa nostra Repubblica dando ascolto alla propria coscienza. Come può? Come può il nostro Presidente permettere a Matteo Renzi, attuale Capo del Governo, di togliere ciò che con il sangue i nostri Padri hanno voluto fortemente a costo della loro vita … la Democrazia! Oggi viviamo in uno Stato di Polizia dove tutti noi, fin dalla nascita, siamo solamente dei numeri tanto che siamo controllati su quanto spendiamo o su ciò che diciamo quando siamo al telefono. Può il Capo dello Stato permettere al Presidente del Consiglio di togliere il Diritto di eleggere i propri Senatori? Diritto ad oggi costituzionalmente garantito! C’è forse convivenza in tutto ciò? Evidentemente anche il nostro Presidente fa parte di quella casta politica atta ad avere il controllo totale dello Stato Repubblicano, facendo così morire le nostre speranze di un domani migliore! E’ possibile che a tutt’oggi il nostro Presidente non abbia manifestato nessun tipo di preoccupazione per le modifiche che si vogliono fare alla Costituzione? Perché tace? Come può permettere che avvenga tutto ciò e che si possano nominare dei Senatori della Repubblica a piacimento di chi governa? Come può permettere il nostro Presidente, che ancora oggi ci siano due difensori dello Stato prigionieri in India? Non sente un fremito di vergogna che esce dalla sua coscienza? Forse tutto è lecito per il quieto vivere? Perché il Capo dello Stato, che è anche il Capo delle Forze armate, permette che uno Stato(amico o nemico non importa) possa ancora tenere prigionieri due militari italiani? Io penso che, visto che si tratta di due “signor nessuno” (solo La Torre e Girone), nessuno fa niente! Se fossero stati due “parenti eccellenti”, sarebbe scoppiata la terza guerra mondiale! Signor Presidente, rifletta,, rifletta, noi Italiani siamo stanchi di tutto ciò! Roberto Giuffrida Siracusa, lì 14.08.2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog