Cerca

Lettere al Direttore

RISPOSTA

Ho letto la lettera del sig.GIUFFRIDA e mi sono commosso per le belle parole scritte ma un dubbio mi ha sempre assillato da molto tempo cioè da quando è stato eletto presidente non solo la coscienza, ma tutta la sua persona è un ricordo di un vecchio COMUNISTA che si esalta per l'invasione dell UNGHERIA MA DOPO ANNI SI DICE DISPIACIUTO di per loro.Tace per i problemi degli altri anzi complotta per farli, ma ALZA LA VOCE per i suoi. Caro GIUFFRIDDA non ci pensi e non lo assolva ci penserà la STORIA a CONDANNARLO

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog