Cerca

Lettere al Direttore

Il XXI Secolo tarda a raggiungere certe regioni del mondo

Finalmente una spesa decisa dal governo italiano che pochissimi avranno il coraggio di criticare. Daniel,bravo ometto congolese di 4 anni affetto da grave forma di cardiopatia,appena sceso a Genova dall’aereo italiano di Stato e salito sull’ambulanza che lo porterà all’ospedale Gaslini ove verrà operato,ha freddo perché non sa cosa sia l’aria condizionata. Vittorio,bimbetto congolese di 15 mesi appena e in pericolo di vita,lo segue tenuto in braccio da padre Hugo Rios. Le piccole Cordie,8 anni,e Nathalie,11 anni,che proseguono per Roma,li salutano con la mano dalla cabina di pilotaggio. Interessante conoscere quale malattia affligge le due ragazzine anche se saperlo porta allo sgomento: bruciature profonde provocate dalle famiglie. In quella zona dell’Africa regna la credenza secondo cui,se succede qualcosa di brutto in famiglia,la colpa è dell’ultimo nato perché lui,il piccolino,è un “Ndoki” (stregone) e dev’essere punito con il fuoco. Cordie e Nathalie sono state fortunate perché sono riuscite a fuggire. Qualche stregone le ha aiutate. Il ventunesimo secolo non ha raggiunto ancora l’Africa,e Lampedusa e zone limitrofe ne sanno qualcosa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog