Cerca

Lettere al Direttore

A proposito di scuola. Della scuola. Appello al ministro.

“I calendari di inizio lezione sono già stati deliberati dalle Regioni, che li hanno già comunicati alle Scuole e al Ministero in tempo utile per consentire la programmazione delle attività didattiche … e il posticipo dell’apertura potrebbe danneggiare le famiglie”. Non basta, signor ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. Non basta “blindare” il calendario scolastico a fronte della richiesta di un Sindaco. Colga l’occasione per parlare di scuola, della scuola, andando oltre le “scuole sicure”, le “scuole belle”, le “scuole nuove”, oltre “le immissioni in ruolo”. Parli dei docenti, del personale scolastico. Parli del cuore che ci porta a scuola la mattina, tutte le mattine. Bel tempo. Cattivo tempo. Comunque. Dica che tra i banchi ci siamo sempre. Che siamo attenti e responsabili accanto ai bambini e ai ragazzi. Che vanno letti negli occhi. “Assieme”. Dica che gli occhi dei bambini e dei ragazzi non sempre sono di facile lettura e che anche leggere “assieme” non è poi così semplice, così facile. E che noi “assieme” ci proviamo. “Capitano, mio capitano”,… dica che siamo il suo equipaggio e che siamo un bell’equipaggio, che vogliamo il mare, gli orizzonti, che non ci fanno paura le tempeste. Dica che le sappiamo affrontare. Parli di noi. Finalmente di noi. Oltre le circostanze. E’ il momento giusto, signor ministro. Adesso. Anche per evitare di finire tra le previsioni del tempo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog