Cerca

Lettere al Direttore

Il voto è sogno

Il voto è sogno. In principio era il voto clientelare e quello ideologico, il primo per grazia ricevuta e il secondo per grazia ereditata, molto spesso dal Dna generazionale, in particolare in certe regioni. Così il popolo non ha mai imparato l’arte del voto, cioè scegliere uomini e idee capaci di pilotare il presente guardando al futuro. L’arte del voto non comporta cultura, basta il buon senso. Ma la televisione, l’università delle masse, manda in soffitta cultura e buon senso insegnando la nuova arte del voto: scegliere chi fa ascolto proponendo una faccia piacevole, rassicurante e, soprattutto, capace di calarvi nel mondo dei sogni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog