Cerca

Lettere al Direttore

lettera

Il Renzie nazionale si è ormai pronunciato, ha fatto una delle sue moltecipli promesse, ma purtroppo questa non resterà tale, perché la lobby degli omosex è molto potente ed è come la massoneria , che s’ infila in ogni dove! In Parlamento c’è attualmente una nutrita pattuglia che sta anche preparando , addirittura, una legge contro l’omofobia, ovvero una legge illiberale ed antidemocratica che tapperà la bocca a censori, dissidenti ecc. A quanto pare anche elementi di FI sarebbero favorevoli a queste innaturali unioni o matrimoni. La decisione del premier prende le mosse dai recenti comportamenti di alcuni sindaci rossi, in materia di registrazione nei registri dei matrimoni , presso gli uffici dello stato civile, delle coppie omosex che hanno contratto “matrimonio” all’estero. La lobby, con un passaparola, ha allertato tutti i sindaci interessati ad effettuare le registrazioni in argomento. Una sorta di provocazione collettiva per spingere il premier a bruciare le tappe. Sono atti contrari alla legge che rasentono il codice penale, come l’abuso di potere, ma è noto che in Itaglia la legalità ha cambiato casa. Solo il ministro Alfano , già intento a raccattare i “migranti”, nella sua veste istituzionale, ha fatto la voce grossa, diffondendo una circolare, per scoraggiare questi atti inconsulti. Risultato? I sindaci continuano imperterriti nella loro provocazione che, nella loro veste istituzionale, non stanno danno certamente un bell’esempio! Alfano, è rimasto al palo e non ha avuto neppure il sostegno di Renzi, ovvero del premier, che sarebbe divenuto intervenire, ma non è intervenuto in quanto la manovra era già stata concertata da tempo per dare uno scossone al governo. Così il premier puntualmente è intervenuto per promettere che, il problema sulla legge sulle unioni civili ed adozioni, si sarebbe risolto in tempi brevissimi e veloci. Sabato scorso è stato il turno del sindaco ciclista della Capitale che ha “benedetto” e registrato nel registro dei matrimoni dello Stato Civile16 coppie “sposate” all’estero, sotto i riflettori delle principali testate mediatiche. E lui, con il suo bel faccione barbuto, si pavoneggiava, con orgoglio tra un selfie e l’altro. Quello che più mi ha disgustato è stata la presenza di bambini fra le braccia di questa gente. E non si trattava di una coppia, ma diverse con bambini al seguito. Che tristezza, vedere quegli innocenti divenuti ignari elementi decorativi per scimmiottare una vera famiglia! Ai bambini che, Dio non voglia, dovessero essere partecipi di queste “famiglie”, in mancanza di una normale e naturale coppia di un papà e di una mamma, come spiegare di avere per genitori una coppia di gay o un’altra di lesbiche? Facciano quello che vogliono, ma lascino stare i banbini!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • flikdue

    21 Ottobre 2014 - 13:01

    Sottoscrivo totalmente !!!!

    Report

    Rispondi

blog