Cerca

Lettere al Direttore

Razzisti in tanti al Nord!

Quando ero molto giovane mi è capitato di essere discriminato in Italia, da Italiano ! Cercai di avere un lavoro a Biella,erano gli anni del dopoguerra, ed in Piemonte chiunque proveniva da regioni oltre laToscana veniva discriminato in maniera totale. A Torino e a Milano molti amici trovarono lavoro,ma MAI accoglienza e seppure si lavorava con responsabilità e serietà si veniva insultati o come minimo discriminati dagli altri colleghi di lavoro. Tanti ipocriti di oggi a Milano,a Torino e altrove in quelle Regioni che si chiamano Nord Italia negano questa verità e si giustificano dicendo che era a causa dei mafiosi saliti "su" : una bugia ignobile dato che al Nord troppi del centro sud del Paese in quegli anni fummo trattati peggio di bestie schifose ben sapendo che i mafiosi o malfattori tra di noi era unaminoranza minima e che faceva il paio con i delinquenti "indigeni" . Oggi ,tanti delle Regioni del cosiddetto NORD ITALIA ,ripetono quanto fatto dai loro padri e nonni insultando e discriminando gli immigrati,onesti e non . Nel festival del "fuori i meridionali" a quei tempi ( ma anche oggi in troppe enclave nordiste) l'Italia Unificata. non esisteva ...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mab

    03 Novembre 2014 - 11:11

    Chi ha scritto non è evidentemente nelle condizioni di capire come erano i suoi concittadini dell'epoca e per quali motivi oggi esiste tanto razzismo. Qualcuno di buuona volontà cerchi di spiegarglielo con parole povere, ma dubito sul risultato.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    03 Novembre 2014 - 11:11

    Non è vera neanche una virgola di quanto malignamente e maliziosamente scritto.Io sono emiliano e quando sono arrivato in Piemonte ho trovato solo porte aperte e amicizia.Ma perché non viene scritto che tanti meridionali (assunti proprio per la loro provenienza) non pagavano l'affitto né il negozio di alimentari? Perché non viene detto che quando lasciavano l'appartamento era ridotto un disastro?

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    03 Novembre 2014 - 11:11

    Nessuno dei discriminati si pone mai la domanda del perché, preferendo invece fare la vittima. Alcune "razze" di persone sono da sempre invise a molti, o tutti gli altri, forse per il razzismo di costoro, oppure per qualche loro "lieve difetto" che non si degnano di modificare per adeguarsi ai luoghi ed alla gente di cui sono ospiti? La risposta determina la soluzione del problema!

    Report

    Rispondi

  • plaunad

    03 Novembre 2014 - 09:09

    Perché dici stronzate? Come mai allora Torino é la terza città meridionale d'Italia? Non lo sai che in un solo anno si rovesciò sulla città una valanga di 300.000 meridionali e che sia il Comune che la FIAT costruirono decine e decine di palazzi abitativi per loro? E come mai ci dicono le statistiche della Questura é proprio da quel periodo che la percentuale di criminalità schizzò in alto?

    Report

    Rispondi

blog