Cerca

Lettere al Direttore

contravvenzioni a Milano

Gentile Direttore, voglio segnalare alla Sua cortese attenzione quanto segue: lo scorso 13 novembre mi viene recapitato un avviso di contravvenzione per superati limiti di velocità (56Km/h con un limite di 50Km/h) e fin qui va bene, senonchè l’infrazione è stata rilevata da Autovelox in Viale Famagosta a Milano in data 28 maggio 2014 e quindi recapitata al sottoscritto a ben 165gg dall’evento. L’Art 201 del C.d.S prescrive che la contravvenzione debba essere notificata entro 90gg dalla data dell’accertamento, e qui sta l’inghippo: informandosi a proposito sulle riviste specializzate e su Internet, pare che il Comune di Milano ed alcuni altri Comuni abbiano deciso di far partire i famosi 90gg dal momento in cui la Polizia Locale prende visione della pratica (nel mio caso il 16 ottobre 2014, quasi quattro mesi dopo l’infrazione!). Pare che, a mio parere ed a parere di alcuni esperti, questo modo di agire non sia legittimo, poichè ciò renderebbe inutile l’intervento del legislatore, il quale nel 2010 ha ridotto i tempi di notifica dai precedenti 150gg agli attuali 90gg; inoltre così facendo si potrebbe estendere all’infinito il tempo utile per la notifica stessa. Il dubbio che si insinua nel cittadino è che si voglia far “cassa” a prescindere la Codice della Strada. Inoltre nel verbale notificato viene specificato che è possibile prendere visione della fotografia dell’infrazione collegandosi all’indirizzo internet www.comune.milano.it inserendo i dati richiesti. Peccato però che, ogni volta che ci si prova, un messaggio avvisa che “per esigenze di aggiornamento archivio la foto della telecamera non è disponibile online. Ci scusiamo per l’inconveniente.”Dopo 165gg!!! . La ringrazio per l’attenzione che mi ha voluto dedicare. Cordialmente. Andrea Gatti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog