Cerca

Lettere al Direttore

e chi si muove da qui!

Hic manebimus optime ( e chi si muove da qui! ). La frase, attestata in Tito Livio, ci riferisce della risolutezza dei senatori romani a restare e rifondare nello stesso posto Roma saccheggiata da Brenno; è comunemente usata ad indicare fermezza nella decisione di non spostarsi ed in questa accezione è stata usata da vari personaggi storici. Da Quintino Sella a proposito di Roma capitale del Regno d’Italia a D’Annunzio nella vicenda di Fiume, da Pertini per smentire le sue dimissioni al generale francese Mac-Mahon nella torre Malachov, in Crimea, che i russi si apprestavano a far saltare. Oggi, tramontato il coraggio e l’eroismo dei nostri antenati, assuma significato di opportunismo e convenienza personale e trova dimora nella bocca di chi si appresta a piantare l’ombrellone o di quei partitini pervicacemente attaccati agli strapuntini governativi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog