Cerca

Lettere al Direttore

Adesso bisogna che gli italiani di buon senso scendano veramente in piazza per mandarli tutti a casa!

Egregio Direttore, abbiamo appena archiviato l’ultima mandata elettorale con un drammatico risultato. Il totale disinteresse dei cittadini per questa classe politica. La mancata affluenza alle urne ha sancito, purtroppo, la dittatura della minoranza su questo povero paese. All’indomani delle votazioni si è timidamente riparlato di una legge per ridurre il numero dei parlamentari a 500! Un’altra presa in giro del popolo considerato ancora una volta ignorante e senza spina dorsale. Negli Stati Uniti , che hanno una popolazione di 320 milioni di abitanti (circa 6 volte quella dell’Italia) il numero dei componenti il Congresso non supera le 435 unita! Il numero dei senatori è stabilito in 2 (due) senatori per ogni stato! L’Italia sta andando a gambe all’aria senza alcuna possibilità di salvezza , nonostante le iniezioni di fiducia del governo di turno, ed i nostri politici si stanno azzuffando parlando delle prossime elezioni! La nuova legge elettorale ha assunto una priorità massima e si parla di elezioni del nuovo Presidente della Repubblica, dando per scontato le prossime dimissioni del Presidente Napolitano. Pianificazione industriale, pianificazione energetica, ristrutturazione dello Stato in drastico senso riduttivo, ristrutturazione della spesa pubblica con eliminazioni di molteplici centri di spesa (comprese le Regioni) non sono argomenti di interesse. In questo paese si pensa solo al prossimo voto elettorale e si continuano a gettare fuori dalla finestra una quantità enorme di soldi pubblici in una distribuzione a pioggia ad Enti, centri, associazioni assolutamente inutili ed improduttivi. Un esempio? Senza scomodare le segrete stanze , basta andare a leggere gli articoli del Messaggero Veneto per scoprire che la Regione Friuli Venezia Giulia , dopo aver regalato circa 3 (tre) milioni di euro con piccole elargizioni di circa 10.000 € a centinaia di associazioni e strutture “pseudo culturali” , ha stanziato altri 1,7 milioni di euro per l’addestramento degli insegnanti che dovranno salvaguardare l’insegnamento del friulano! Se non è spreco di denaro pubblico questo cos’altro è? Per contro, per la salvaguardia delle mura di Palmanova (un raro esempio di cittadella fortificata) si sono racimolati appena 40.000 €! Occorre chiamare a raccolta tutti gli italiani di buon senso per scendere in piazza , bloccare il parlamento e mandare tutti questi signori a casa! Giovanni Ridinò

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • papercut

    01 Dicembre 2014 - 03:03

    Sono d' accordo con il sig. Ridinò, il denaro pubblico continua ad essere sprecato per cose inutili mentre le famiglie sono sempre più in difficoltà a sostenere i costi della vita ( quella normale per capirci non quella dei lussi ). Un governo cosi' non può essere sostenuto da chi paga le tasse e si mantiene lavorando e rispettando gli altri. Basta con gli sprechi , non lo si puo permettere.

    Report

    Rispondi

blog