Cerca

Lettere al Direttore

Viene solo da vergognarsi

Caro Direttore, circa lo sconcertante e vergognoso nuovo scandalo, oltremodo deplorevole in quanto a farne le spese sono stati anche gli immigrati, i room, gli emarginati e coloro che con impagabile sacrificio si dedicano ad opere umanitarie, ci sono da notare due" anomalie" che, purtroppo, essendo in Italia, dovevamo dare per scontate già in partenza. La prima, la più grave e vergognosa, è il tentativo da parte di rappresentanti del Pd di scaricare le responsabilità su chi ha preceduto Marino al Campidoglio, poichè loro, puri per grazia divina, al massimo commettono qualche sbadataggine; non sapevano nemmeno che l'URSS finanziava il PCI. Ebbene premesso che il magna magna va avanti da anni, che ridicolaggine è questa sparata; magari fra un po' diranno anche che le cooperative cattocomuniste erano alle dipendenze di Berlusconi: sprofondare nel ridicolo per certuni è ormai un'abitudine.L'altra prevedibile "anomalia" è la completa assenza di una parola di condanna, accompagnata magari una manifestazione, da parte dei sindacati. E' notorio che i nostri sindacati sono organizzazioni preposte alla tutela dei lavoratori e svolgono la loro azione con tale efficacia, che molte aziende hanno dovuto cessare l'attività appunto perchè si tutela solo il lavoratore e non il lavoro. Che non abbiano ancora compreso che senza lavoro non esistono aziende e, pertanto, neanche i lavoratori? Chi ci capisce è bravo. Orbene, tutti sanno che oltre alle varie normative capestro che mettono in difficoltà le aziende, queste chiudono anche e soprattutto perchè sopraffatte dalle tasse, tasse che innescano un circolo vizioso che porta solo alla loro chiusura. Le tasse è notorio sono necessarie affinché lo stato adempia ai suoi obbligi e doveri, ma questo ulteriore e nuovo scandalo ha evidenziato in modo inequivocabile come una gran quantità di denaro esca dai dovuti binari per essere utilizzato per foraggiare amici, partiti etc, etc. Ci sono cooperative, naturalmente rosse o bianco/rosse, che hanno il monopolio e, pertanto, una gestione discutibile, dei centri di accoglienza, dei campi rom, delle mense per diseredati etc, etc., centri che ultimamente hanno ottenuto ingenti finanziamenti causa l'emergenza profughi. Oltre a questo sperpero ci sono una moltitudine di aziende pubbliche e/o parificate che sono volutamente e per istituzione dei veri colabrodo indispensabili ed utili solo per il magna magna. Si potrebbe continuare ma non serve, in quanto è ampiamente dimostrato, ed uno degli ultimi provvedimenti del governo lo dimostra, che il denaro soprattutto serve per scopi politici e per accontenare vecchi e/o nuovi amici, altrimenti non si spiega come mai il governo abbia sentito il bisogno di inserire un emendamento alla legge di stabilità che prevede una "spesuccia" di soli 200 milioni per il progetto "rammendo delle periferie" guidato dal senatore a vita Enzo Piano. Ebbene, a fronte di cotanto sperpero e ruberie varie, che sono forse la causa maggiore di tante tasse, i sindacati nicchiano. Che non abbiano ancora capito che meno sperpero e ruberie possono significare meno tasse? Se sono veramente dalla parte dei lavoratori inizino a rinunciare ai tanti privilegi, come la paga durante gli scioperi, ed invece di pensare ad occupare le fabbriche facciano una capatina presso i palazzi del potere per pretendere, senza mezzi termini, la doverosa serietà da parte di tutti e la cacciata dei fannulloni e dei disonesti senza guardare il colore della tessera. E' vero che fare le leggi non è competenza dei sindacati, ma poichè spesso e volentieri, come è accaduto ultimamente, si sono voluti confrontare con l'organo esecutivo affinchè legiferasse come a loro fa comodo, allora questa invasione di campo la facciano pure per cose ben più serie e gravi. A proposito di spreco di denaro pubblico tanto necessario per aiutare i diseredati e per i malati non si può sottacere lo sperpero che viene dal Quirinale con la nomina dei senatori a vita. E' noto che, specialmente negli ultimi anni, queste nomine hanno avuto solo lo scopo di rafforzare la sinistra e Napolitano, pur invitandoci con i suoi sermoni a fare economia, ha fattto ben 5 nomine. Sappiamo però dal suo ex segretario che l'attuale Capo di Stato da europarlamenatre ha sostenuto che:" ciò che è consentito dalle leggi si può fare" e, la Costituzione purtroppo gli permette questo sperpero ed aiuto politico ai compagni. Ci consola solo il fatto che tra le sue prerogative non ha la facoltà di nominare a piacere anche decine di parlamentari. Certo che pensando alle grandi, gravi ed impellenti necessità, agli sperperi ed alle prese in giro, che bonariamente ci vengono scodelalte, viene solo da vergoganrsi di essere Italiani. Cordialmente Leonardo Cecca

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog