Cerca

Lettere al Direttore

Papà e mamma sono parole omofobe ?

Signor Direttore, anche a Bari il sindaco Decaro ha voluto la dicitura Genitore 1 e Genitore 2 inserita nel bando, pubblicato dal Comune, relativo alla formazione delle graduatorie per gli asili comunali. Non madre e padre bensì un più generico “genitore”. Il sindaco Decaro si rifà ad una vecchia modifica di legge del ‘75 che modifica il termine ‘patria potestà’ con ‘potestà genitoriale’, ulteriormente modificata pochi anni fa con il termine ‘responsabilità genitoriale’. Ma quella legge non obbliga le amministrazioni comunali a cambiare diciture nei documenti da madre/padre a genitore. Questo ha suscitato una forte reazione delle associazioni familiari (Age, Forum e Granello di senape) contro la scelta della giunta cittadina che aveva accolto le richieste del mondo Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transgender) per sensibilizzare contro le discriminazioni. Ma da quando in qua mamma e papà sono parole omofobe e discriminatorie ?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    13 Dicembre 2014 - 20:08

    L'idiozia di alcuni neologismi ha la sua naturale genesi nei tempi che stiamo vivendo.

    Report

    Rispondi

blog