Cerca

Lettere al Direttore

in merito alle pene

Egregio Direttore, La prima considerazione che mi viene in mente se non erro,non sono un giurista,è l’irretroattività delle pene per cui le norme per l’aumento di esse non saranno applicabili a chi ha commesso il tipo di reato previsto, finora. Potrebbero anzi indurre ad affrettarsi a nuove ruberie prima della loro emanazione ,stante l’attuale depenalizzazione da poco approvata da questo governo e da questo parlamento. Detto ciò è pensabile un ripensamento da parte dei parlamentari che ribalterebbe lo scopo per cui finora hanno agito?Renzi confida forse in questo così uscirebbe con la faccia che dice sempre di metterci, pulita? In ogni caso il Premier avrebbe avuto modo se lo avesse voluto,di incidere politicamente facendo piazza pulita del consiglio comunale di Roma e di tutti i maneggioni supportati, consciamente od inconsciamente. Perchè non l’ha fatto? Accà nisciuno è fesso , salvo sia ancora ammorbato dalla logorroica parola renziana, rivelatasi senza costrutto. In cosa sperem?mah! Distinti saluti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog