Cerca

Lettere al Direttore

per fortuna che è un avvocato

Leggo che il prefetto di Milano ha mandato un collaboratore in comune a cancellare le trascrizioni dei matrimoni gay contratti all'estero, dopo che il sign. Pisapia si è rifiutato di farlo. Ma il Pisapia non è avvocato ? Ma non è suo obbligo conoscere la legge e applicarla? Ma sa che la legge italiana recita che si devono trascrivere i matrimoni contratti all'estero ma che i matrimoni contratti fra persone dello stasso sesso non sono previsti? Forse il sindaco ha fatto confusione trascrivendoli, ma se invece come penso la sua è una ribellione nei confronti di una norma scritta in nome del popolo italiano il fatto è grave e nei suoi confronti la magistratura deve prendere posizione. Siamo in un paese in grande confusione. Ci manca altro che anche una istituzione importantissima come un comune nella persona del suo sindaco approvi e sottoscriva comportamenti contrari all' ordine delle nostre leggi. Tarantini enrico

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • flikdue

    20 Febbraio 2015 - 10:10

    Il problema è che le leggi le dovrebbe fare rispettare la magistratura e si sà verso sinistra non vede niente !!!!!!!!

    Report

    Rispondi

blog