Cerca

Lettere al Direttore

Attentato a Tunisi. Dettagli da non sottovalutare

Gli "esperti" di politica internazionale non hanno parlato dei 100 camion bloccati qualche giorno prima del sanguinoso attentato, per la prima volta e con fermezza, dal Governo di Tunisi. Si tratta di camion che giornalmente da molti anno varcano il confine per smerciare una quantità enorme di mercanzie di contrabbando. Soprattutto benzia e gasolio, che negli ultimi anni vengono venduti liberamente sui bordi delle strade di tutta la Tunisia. E' ovvio che chi gestisce questo traffico ne tragga guadagni colossali. Quindi vedendo sfumare un business di questa dimensione abbia cercato di reagire. Non é da escludere quindi che ci possa essere un legame con l'attacco terrorista. Inoltre qualche giorno fa il Canada ha negato l'asilo politico a Belhassen Trabelsi, cognato di Ben Alì. Tutto potrebbe essere collegato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog