Cerca

Lettere al Direttore

Perché toccare la pensione per la quale sono stati pagati i contributi di legge.

Parlano di tagliare le pensioni a coloro che hanno una sola pensione per la quale sono stati pagati i contributi di legge. Nessuno parla di coloro che percepiscono più pensioni, perché nella loro vita hanno svolto contemporaneamente più attività imprenditoriali, cariche societarie, professioni e lavoro dipendente, persone che contemporaneamente potevano stare in più luoghi, in più uffici ed in più città. Per semplicità possiamo citare l’ex presidente dell’INPS Mastrapasqua che oltre a questo incarico dirigenziale, svolgeva un’attività professionale e cariche in oltre venti società commerciali (forse industriali) ed enti istituzionali (vedi Equitalia) ecc., come questo signore ci sono tantissime persone che hanno situazioni lavorative similari. Potrebbe bastare fare una visura camerale su una società medio grande, vedere gli amministratori, i membri del consiglio di Amministrazione, estendere successivamente una ricerca camerale su questi soggetti e si ha la visuale in quante società hanno incarichi. Neanche i parlamentari sono esenti dai pluri incarichi, nonostane nel corso del mandato parlamentare non potrebbero svolgere altre attività; ricordiamo l’avv. Buongiorno che da parlamentare e presidente della commissione giustizia, aveva assunto le difese legali di Sollecito (conflitto contro conflitto). Ci sono tantissime sentenze che statuiscono che un lavoratore dipendente non può svolgere attività professionale, perché riverserebbe le sue forze fisiche e mentali nell’attività professionale a scapito del lavoro dipendente (dove lo stipendio corre comunque anche se si è scarsamente produttivi), è il caso di docenti universitari che contemporaneamente svolgono anche un’attività professionale (specie nel campo legale). L’art. 60 del T.U. impiegati civili dello Stato stabilisce che il pubblico dipendente non può esercitare il commercio, l'industria né alcuna professione o assumere impieghi alle dipendenze di privati o accettare cariche in società costituite a fine di lucro, tranne che si tratti di cariche in società o enti per le quali la nomina è riservata allo Stato e sia all'uopo intervenuta l'autorizzazione del Ministro competente. Il TAR Campania con la sentenza n. 914 del 24/04/15 - 30/4/2015 ha richiamato espressamente il citato art. 60 del T.U. citato. A me pare più corretto e legale tagliare le pluri pensioni, perché è impossibile contemporaneamente svolgere più attività lavorative, inoltre la legge e la giurisprudenza impone un meritato riposo dopo un turno di lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog