Cerca

Lettere al Direttore

la favola del salvataggio

La migrazione dalle coste nord Africa verso l’Europa non è soltanto un grande affare per i libici ma è uno strumento politico del nuovo Stato Islamico per conseguire gli obiettivi strategici di invasione islamica dell’Europa. La strategia usata è molto sottile: facendo capovolgere volutamente in mare qualche barca o facendo morire una decina di migranti sui due-trecento occupanti dei grossi gommoni (si dice per l’esalazione dei motori: ma si sospetta per avvelenamento voluto da parte degli scafisti) si crea nell’opinione pubblica italiana una gara di solidarietà per andare raccogliere i poveri migranti in pericolo appena fuori delle acque territoriali libiche. Ma quale pericolo!!! I migranti viaggiano su modernissimo gommoni che portano 200 persone e possono fare la traversata in mezza giornata senza alcun pericolo; ma gli scafisti preferiscono lanciare l’SOS appena fuori delle acque territoriali libiche per richiamare le navi della Marina Italiana. Mi meraviglia come la Marina Italiana non si sia ancora rifiutata di eseguire questa ridicola pagliacciata del salvataggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400