Cerca

Lettere al Direttore

SOLDI CHE NON ARRIVANO

CARO DIRETTORE, sono il Cavalier Domenico Marchetti, ho 93 anni, e sono un reduce della 2' guerra mondiale. Scrivo questa mail per esporle un problema relativo al mio periodo in guerra. Il mio periodo in guerra va dal 21-1-1941 al 17-3-1945. Dopo un periodo di addestramento rapido sono stato mandato a combattere sul fronte est. L' 8 settembre 1943 inizia il periodo più brutto e difficile, sono stato catturato dall' esercito tedesco e internato in un campo di sterminio nazista. In questo periodo io ed altri militari italiani abbiamo prestato del lavoro per l' esercito tedesco, realizzando un fondo per una ferrovia, senza pero' ricevere alcun compenso economico. Arrivo al dunque del problema, perché ne lo stato Italiano, ne quello Tedesco non vogliono erogare questi soldi che ci spettano di diritto? Sono 70 anni che aspetto questi soldi! In Italia e' un problema che riguarda 75000 militari di allora. L' importo spettante corrisponde a 30000 euro cadauno, cosa aspettano a risarcirci, abbiamo poco tempo davanti a noi. Nel maggio del 2008 presso la Corte di Cassazione di Roma e' uscita una sentenza, la n° 14202\2008, la quale afferma che lo stato Italiano riconosce legittimo questo risarcimento, ma i soldi devono essere erogati completamente dallo stato Tedesco. Fortunatamente il 4 novembre 1944 fui liberato dall' esercito russo e il 17-3-1945, tornai dalla mia famiglia. Il mio augurio e ' che lei legga questa mail, prenda in considerazione il mio problema e se lo ritiene opportuno farmi un intervista da un redattore del suo giornale. Se desidererete contattarmi vi lascio anche un recapito telefonico: 338-5613420. DISTINTI SALUTI DOMENICO MARCHETTI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog