Cerca

Lettere al Direttore

Incostituzionalità su normativa fiscale abitativa

Esimio Direttore,sono uno dei numerosi pensionati con reddito annuo intorno alla soglia dei 15.000,00 euro.Corrispondo,per canone di locazione regolarmente registrato,l'importo mensile di 650,00 euro,importo per il locatore assoggettato a cedolare secca(23%?).Nel caso specifico,nella compilazione del mod 730,mi è consentita una detrazione di 150,00 euro dalle imposte dovute,a fronte di una sacrosanta,costituzionale deducibilità dal reddito,dell'importo del canone già sottoposto a cedolare secca,e quindi soggetto a doppia imposizione.Oltre questo sorge spontanea una domanda: Perchè al pensionato o cittadino contribuente,con reddito uguale al mio,è consentita la deducibilità del mutuo acceso per il bene ad uso abitativo ,e al mio canone(a volte più oneroso del mutuo) non è concesso lo stesso beneficio? Siamo di fronte ad un vero caso di incostituzionalità fiscale. Oltretutto,chi corrisponde un canone di locazione,a differenza di chi paga il mutuo,è beffato per due volte,doppia tassazione (locatore e locatario) e pagamento a fondo perduto,contro l'acquisizione del bene.Le sembra logico tutto ciò?Può attivarsi per sollevare la questione a livello parlamentare,e sottoporre il caso alla corte costituzionale per correggere la stortura? Mi auguro di leggerLa in merito.Distinti saluti. Domenico Paganica

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog